Le questioni legate alla resistenza antimicrobica e alla diffusione di microbi resistenti ai farmaci rappresentano gravi rischi per la salute pubblica e il panorama imprenditoriale. Ci siamo impegnati con le nostre partecipate a discutere la loro strategia sulla resistenza agli antibiotici.

Stiamo sempre facendo tutto ciò che è in nostro potere per mantenere un ruolo di primo piano negli investimenti responsabili, identificando le problematiche emergenti che possono con probabilità incidere sulle performance delle imprese e sulla società in cui operano. Quando individuiamo un problema, lavoriamo per capire l’impatto di tale problema sulle imprese e sulla società e ci impegniamo con loro individualmente o in modo collaborativo per generare un cambiamento.

Tra queste problematiche vi è la resistenza antimicrobica. In un romanzo di Stephen King non sarebbero fuori luogo storie orribili su nuovi ceppi di batteri che si dimostrano resistenti ai trattamenti antibiotici. Tuttavia, non è solo la salute a essere a rischio per la diffusione di super microbi resistenti ai farmaci: si prevede che entro il 2050 i livelli pericolosamente elevati di resistenza antimicrobica (AMR) cancelleranno 100 trilioni di dollari dalla produzione globale.

Sebbene i rischi per la salute pubblica e le imprese, derivanti dall'AMR, siano chiaramente preoccupanti, vi sono segnali positivi di un'azione più coordinata tra governi, settore, investitori e società civile. Gli investitori, in particolare, ricoprono un ruolo fondamentale nell'impegnarsi con le società per assicurare che attuino politiche solide e incoraggiare le migliori prassi.

Siamo orgogliosi di essere firmatari fondatori dell'iniziativa degli investitori Farm Animal Investment Risk & Return (FAIRR) che ha riunito una coalizione di oltre 74 investitori istituzionali con una gestione di oltre 4,9 trilioni di dollari. La coalizione chiede la fine dell’uso non terapeutico di routine degli antibiotici nelle catene di distribuzione delle imprese.

Abbiamo collaborato collettivamente e individualmente con le società in cui investiamo, principalmente nei settori farmaceutico, della vendita di prodotti alimentari e dei produttori, per discutere la loro strategia sulla resistenza agli antibiotici.

Ad oggi, l’esito più degno di nota è stato l’annuncio che McDonald’s avrebbe eliminato dalla catena di fornitura globale di polli da carne antibiotici di importanza cruciale per la medicina umana. Abbiamo scritto al CEO di McDonald’s per congratularci con lui per l’importanza di questa pietra miliare per McDonald’s e per il settore.

C'è stato anche un significativo movimento a livello intergovernativo, con la dichiarazione di intenti dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite (UNGA) sull'AMR.

Siamo stati onorati di essere l'unica società di assicurazione e di investimento invitata a partecipare alla conferenza Call to Action. Nel marzo 2017, siamo anche intervenuti alla prima conferenza degli investitori negli Stati Uniti, sulla resistenza agli antibiotici. La riunione è stata convocata da FAIRR.

Il nostro approccio

L’investimento responsabile ci aiuta a offrirti migliori rendimenti aggiustati per il rischio nel lungo termine.

Leggi di più

Investimento responsabile

Investire in modo responsabile non è solo la cosa giusta da fare, ma è anche ragionevole sul piano finanziario.

Leggi di più

RA19/0019/08012020