Il nostro approccio alla Brexit

In queste FAQ, viene illustrato cosa significa Brexit per Aviva Investors e i nostri clienti.

Westminster bridge

1.     È stato istituito presso Aviva Investors un team dedicato alle questioni relative alla Brexit?

Il governo ha concordato un periodo di transizione con l'Unione Europea che durerà fino alla fine del 2020. Durante questo periodo, tutte le leggi, le norme e i regolamenti dell'UE continueranno ad applicarsi nel Regno Unito e tra il Regno Unito e l'UE. Continueremo a monitorare la situazione durante il periodo di transizione man mano che le relazioni del Regno Unito con l'UE diventeranno più chiare.

È stato istituito un team di progetto dopo il referendum, che include la rappresentanza di tutte le aree di business e di tutte le nostre entità dell'UE. Il team del progetto ha preparato piani di emergenza, che saranno attuati prima della fine del periodo di transizione.

2.    Qual è l'impatto operativo della Brexit su Aviva Investors?

Abbiamo esaminato l'impatto dell'uscita dall'UE sul nostro modello operativo. Siamo certi che siano necessarie solo lievi modifiche alle strutture organizzative esistenti e continuiamo a riesaminare la situazione per capire se potrebbero essere necessari ulteriori adeguamenti dopo la fine del periodo di transizione.

Dato il lavoro svolto dalla Financial Conduct Authority (FCA) e da HM Treasury per ridurre al minimo le perturbazioni del mercato e operative, non prevediamo alcun impatto sulla nostra gamma di fondi nel Regno Unito.

La nostra attività opera anche a livello transfrontaliero, utilizzando una varietà di strutture di fondi per soddisfare le esigenze dei clienti in diverse aree geografiche. Per diversi anni, siamo stati in grado di servire efficacemente i clienti europei attraverso la nostra entità lussemburghese e la gamma di fondi SICAV, nonché la nostra presenza considerevole in Irlanda e Francia.

3.    In che modo la Brexit avrà un impatto sulla capacità di Aviva Investors di reperire opportunità di investimento in Europa?

Continuiamo a monitorare da vicino gli eventi e i mercati finanziari e i rischi e le opportunità da essi presentati. Lo stress test periodico dei fondi su vari scenari è una parte fondamentale del nostro processo quotidiano di gestione degli investimenti e dei rischi e ci aiuta a prendere decisioni informate per proteggere i portafogli dei clienti.

L'attività di gestione patrimoniale è globale e la Brexit non influirà sulla nostra capacità di continuare a cogliere opportunità di investimento per i clienti in tutta Europa e oltre.

4.    In che modo Aviva Investors si sta preparando per una Brexit "difficile" o "no deal"

Sebbene sia stato raggiunto un accordo che consente al Regno Unito di lasciare l'UE con un periodo di transizione, continuiamo a monitorare la situazione fino alla fine di dicembre 2020 man mano che le future relazioni del Regno Unito con l'UE diventano più chiare.

A seguito dei recenti annunci dell'Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati (ESMA), della Commissione Europea e di altri organismi di regolamentazione europei in merito agli accordi di cooperazione, riteniamo che continueremo a essere in grado di esternalizzare o delegare le attività di gestione del portafoglio dall'UE al Regno Unito dopo la Brexit. Questo ci consentirà di continuare a utilizzare le competenze che abbiamo nel Regno Unito. (Fare riferimento anche alla domanda 5).

5.    Qual è la vostra posizione sulla delega della gestione del portafoglio?

La capacità di delegare le attività di investimento e gestione del rischio è importante per i modelli di business nel settore della gestione patrimoniale. Riteniamo che l'attuale modello di delega riconosciuto a livello globale protegga gli interessi dei clienti e consenta loro di accedere alla più ampia gamma di opportunità e competenze di investimento.

La delega continua dopo la Brexit dipende dalla conclusione di accordi di cooperazione tra le autorità di regolamentazione del Regno Unito e degli Stati membri dell'UE. Siamo incoraggiati a raggiungere un accordo tra Regno Unito e UE.

Riteniamo che la nostra attuale struttura organizzativa ci consentirà di continuare a delegare alcune attività chiave nel Regno Unito dopo la Brexit, mantenendo al contempo adeguati livelli di governance e controllo.

6.    State apportando modifiche alle filiali dell'UE prima della Brexit?

Le nostre filiali europee continueranno a fornire servizi e attività di investimento come filiali della nostra entità lussemburghese e abbiamo ottenuto le autorizzazioni regolamentari corrette. Le future relazioni tra Regno Unito e UE non sono ancora chiare e continuiamo a monitorare la situazione per assicurarci di adottare l'approccio ottimale in base al nuovo accordo.

7.    Cosa accadrà ai fondi UE commercializzati agli investitori britannici?

Alcuni fondi Aviva Investors sono domiciliati in Europa e attualmente commercializzati agli investitori del Regno Unito tramite un passaporto di marketing dell'UE. La FCA ha confermato che implementerà un regime di autorizzazioni temporanee per consentire agli investitori britannici di avere accesso continuo agli OICVM UE alla fine del periodo di transizione. Aviva Investors invierà le notifiche pertinenti per i fondi interessati prima della scadenza della FCA.

Fare la cosa giusta

Investire comporta grandi responsabilità, sia per i nostri clienti che ci hanno affidato i loro capitali che per la società in generale. Assicurarci di operare come amministratori responsabili, chiamando le aziende a render conto di criteri ambientali, sociali e di governance, è fondamentale.

Investimento responsabile

Siamo impegnati a costruire un brillante futuro sostenibile, fatto per durare e concepito per tutti. Investire in modo responsabile non è solo la cosa giusta da fare, ma è anche ragionevole sul piano finanziario.

Leggi di più
Responsible investing image