Una foto di Marte Borhaug

Marte Borhaug

Global Head of ESG Investment Solutions

Principali responsabilitá

Marte porta avanti la strategia d’investimento responsabile di Aviva Investors e supporta lo sviluppo commerciale nel settore dell’investimento responsabile. È promotrice di una serie di progetti incentrati sul miglioramento delle comunicazioni con la clientela e sull’utilizzo delle tecnologie digitali per far avvicinare le persone al luogo di destinazione del proprio denaro. Grazie a una formazione in materia di politiche pubbliche e sviluppo normativo, supporta inoltre le operazioni di Aviva Investors in materia di politiche pubbliche nel Regno Unito, in Europa e a livello globale.

Esperienza e qualifiche

Attualmente Marte è Vicepresidente della Finance Task Force presso la divisione Business della OECD ed è membro del “35 Under 35 Committee” della Confederation of British Industry, il quale rappresenta il punto di vista di 35 giovani business leader con meno di 35 anni. Concentrandosi sulla diversità e sul ruolo che gli imprenditori possono svolgere per risolvere i problemi della società, fa parte del comitato direttivo dell’Hatch Female Founders Accelerator e svolge il ruolo di mentore per delle start-up presso l'acceleratore sociale Bethnal Green Ventures. In precedenza Marte è stata a capo della strategia di comunicazione globale della divisione digitale di Aviva, ivi compreso il relativo fondo di capitale di rischio strategico, e in qualità di Responsabile della politica pubblica per l’UE è stata a capo politiche pubbliche della società a Bruxelles sulla finanza sostenibile, la riforma finanziaria e la Brexit. È entrata a far parte di Aviva a seguito della Confederation of British Industry (CBI), dove ha ricoperto il ruolo di Head of Financial Services and Corporate Governance. Quando viveva a Bruxelles si è inoltre occupata di pubbliche relazioni con l’UE per conto di The Brussels Office e della Missione della Norvegia presso l’Unione europea. Ha conseguito un MSc in Economia politica europea presso la London School of Economics.