La sostanza prevale sullo stile?

Perché un approccio agnostico supera gli style bias azionari

statue

Gli investitori otterrebbero risultati migliori andando alla ricerca di opportunità in tutto il mercato azionario, anziché affidarsi a style bias ideologici, sostiene David Cumming.

Nel caso di investitori attivi, è importante che la loro filosofia e i loro processi siano considerati efficaci e sostenibili dai clienti. Poiché evidentemente il futuro non è identico al passato, esistono ampie dimostrazioni che gli investitori azionari attivi sono in grado di conseguire sovraperformance, se adottano i processi corretti.1 Il segreto è che riescono a servirsi efficacemente delle loro risorse per valutare quali sono i cambiamenti in corso, giudicando i risultati futuri meglio e in modo più redditizio rispetto agli investitori passivi, ovviamente non dinamici, o ai fondi negoziati in borsa con un atteggiamento retrospettivo.

Uno style bias è semplicemente un espediente intellettuale che limita le opportunità.

Le esposizioni di stile degli investimenti sono spesso usate dai gestori per rafforzare la fiducia di consulenti o clienti nella loro capacità di conseguire risultati superiori e differenziarsi da altri gestori. Stili come value, growth, qualità o momentum tendono a configurarsi come variazioni di processo.

Tuttavia, gli style bias presentano svariati problemi. Il più evidente è che limitano l’universo di titoli in cui operare la selezione e, di conseguenza, le opportunità d’investimento. In un mondo in cui molti investitori si muovono in base ai fattori macro anziché alle proprietà specifiche dei titoli, può così succedere che gli investitori che hanno una propensione per uno stile attingano a un bacino in cui i titoli growth sono sopravvalutati e i value sottovalutati, o viceversa, a causa di un’eccessiva focalizzazione sui propulsori macro, come per esempio le fluttuazioni valutarie o i rendimenti obbligazionari. I limiti filosofici adottati impediscono a tali investitori di investire altrove.

Gli style bias espongono inoltre i gestori di portafoglio a un rischio maggiore in termini di smart beta o soglie di gestione del portafoglio più rigorose. Ciò è vero soprattutto laddove l’approccio è abbastanza stereotipato da essere espresso algoritmicamente con una strategia smart beta, in sostituzione di una strategia quality value, o laddove la loro performance può essere misurata a fronte di indici di riferimento che ne rispecchiano i bias fattoriali.

Noi preferiamo invece un approccio agnostico in termini di stile. In quanto investitori azionari attivi orientati al futuro e concentrati sui titoli, riteniamo che il modo migliore per essere all’altezza delle aspettative dei clienti consista nel non limitare né la serie di opportunità d’investimento né la capacità di rispondere ai mutamenti di tendenze o flussi di informazioni, a livello sia micro che macro. Ciò è particolarmente importante quando si compete con alternative non dinamiche.

Scostamento di stile

Un approccio agnostico in termine di stile consente ai portafogli di seguire semplicemente le migliori opportunità sul fronte dei titoli, indipendentemente dalle implicazioni di “stile”. In questo modo, possiamo scegliere entro la serie di opportunità più ampia e costruire un portafoglio caratterizzato da scostamenti di stile. Ciò evita anche il rischio che i fattori macro possano incidere sulla performance di uno stile in fasi diverse del ciclo d’investimento.

L’adozione di un approccio agnostico in termine di stile si traduce inoltre in minore volatilità fattoriale o tematica a causa delle propensioni settoriali intrinseche in vari stili d’investimento. Per esempio, la crescita è spesso associata a sovrappesi tecnologici. Dovrebbe inoltre diminuire anche il rischio di “ancoraggio”, in altre parole la predilezione per un particolare titolo o settore. Una filosofia agnostica in termini di stile consente inoltre adeguamenti più dinamici delle esposizioni di un portafoglio a un mutamento di contesto.

Una selezione titoli idiosincratica, agnostica in termini di stile, non può essere espressa con strategie smart beta, ETF o passive e i suoi performance hurdle non possono essere rigidamente limitati. Infine, i portafogli con stile agnostico rimangono pertinenti in tutto il ciclo, con tassi di abbandono dei clienti minori a mano a mano che il ciclo d’investimento procede e i vari tipi di stili diventano di moda o cadono in disuso.

Espediente intellettuale

In conclusione, vi sono molteplici fattori da adottare per incoraggiare i clienti ad abbandonare l’opzione passiva. Team d’investimento motivati, con ampie risorse, un approccio all’investimento comune, strutture di comunicazione chiare, un processo efficiente di costruzione del portafoglio e una scala atta ad accedere direttamente al management societario, sono tutti vantaggi. Avere uno style bias non lo è.

Style bias is simply an intellectual shortcut that restricts opportunities

Uno style bias è semplicemente un espediente intellettuale che limita le opportunità create dalle inefficienze di mercato, un modo di restringere il proprio universo (e carico di lavoro).

Tuttavia, se si dispone delle risorse di analisi e dell’agilità organizzativa per coprire l’universo d’investimento, non c’è bisogno di espedienti ed è possibile concentrarsi sui principi fondamentali. Bisogna cercare situazioni in cui i fondamentali societari sono erroneamente valutati in modo da conseguire guadagni nel momento in cui tali fondamentali emergono. Questa flessibilità consente di mettere in pratica in modo più chiaro ed efficiente un dato di fatto, ossia che il futuro non è identico al passato, che è la nemesi dell’investimento passivo e smart beta. Gli style bias sono semplicemente ostacoli.

Riferimenti

1 KJM Cremers & A Petajisto “How active is your fund manager?”, The Review of Financial Studies, 2009 (probabilmente lo studio più citato in questo campo)

Autore

Informazioni importanti

Il presente documento è riservato a clienti professionali e consulenti. Non è destinato a essere letto da, o usato con, clienti retail.

Salvo ove altrimenti indicato, la fonte di tutte le informazioni è Aviva Investors Global Services Limited (AIGSL). Al 19 giugno 2018. Tranne se diversamente specificato, i pareri e le opinioni espressi sono di Aviva Investors e non devono essere considerati come una garanzia di rendimento di un investimento gestito da Aviva Investors né una consulenza di qualsivoglia natura. Le informazioni contenute nel presente documento sono state ottenute da fonti ritenute affidabili, ma non sono state verificate in modo indipendente da Aviva Investors e pertanto non se ne garantisce l’accuratezza. Le performance conseguite in passato non costituiscono un’indicazione di rendimenti futuri. Il valore di un investimento e il reddito da esso riveniente sono soggetti a rialzi e ribassi ed è possibile che gli investitori non recuperino l’importo originariamente investito. Nessun elemento del presente materiale, incluso ogni riferimento a particolari titoli, asset class e mercati finanziari, deve essere inteso o interpretato come una consulenza o raccomandazione di alcun genere. Il presente materiale non costituisce una raccomandazione di acquisto o vendita di alcun investimento.

Nel Regno Unito e in Europa, il presente materiale è stato preparato e pubblicato da AIGSL, registrata in Inghilterra, N.1151805. Sede legale: St. Helen’s, 1 Undershaft, Londra, EC3P 3DQ. Autorizzata e regolamentata nel Regno Unito dalla Financial Conduct Authority. A Singapore, il presente materiale è distribuito ai sensi di un accordo con Aviva Investors Asia Pte. Limited (AIAPL) esclusivamente ad investitori istituzionali. Si ricorda che AIAPL non fornisce servizi indipendenti di ricerca o di analisi per quanto attiene al contenuto o alla preparazione del presente materiale. I destinatari del presente materiale sono tenuti a contattare AIAPL per qualunque questione da esso derivante o a esso correlata. AIAPL è una società costituita ai sensi delle leggi di Singapore con numero di registrazione 200813519W, che detiene una regolare licenza di fornitura di servizi ai mercati dei capitali (Capital Markets Services License) finalizzata allo svolgimento di attività di gestione fondi, rilasciata in conformità alla legge Securities and Futures Act (Singapore Statute Cap. 289) e che si qualifica come Asian Exempt Financial Adviser ai fini della legge Financial Advisers Act (Singapore Statute Cap.110). Sede legale: 1Raffles Quay, #27-13 South Tower, Singapore 048583. In Australia, il presente materiale è distribuito ai sensi di un accordo unicamente ad investitori wholesale. Si ricorda che Aviva Investors Pacific Pty Ltd (AIPPL) non fornisce servizi indipendenti di ricerca o di analisi per quanto attiene al contenuto o alla preparazione del presente materiale. I destinatari del presente materiale sono tenuti a contattare AIPPL per qualunque questione da esso derivante o a esso correlata. AIPPL, società costituita ai sensi delle leggi australiane, Australian Business No. 87 153 200 278 e Australian Company No. 153 200 278, detiene una licenza di fornitura di servizi finanziari in Australia (Australian Financial Services License - AFSL 411458) rilasciata dalla Australian Securities and Investments Commission. Sede legale: Level 30, Collins Place, 35 Collins Street, Melbourne, Vic 3000, Australia.

La denominazione “Aviva Investors” utilizzata nel presente materiale si riferisce all’organizzazione globale di società di gestione patrimoniale affiliate operanti come Aviva Investors. Ciascuna affiliata di Aviva Investors è una controllata di Aviva plc, multinazionale di servizi finanziari quotata in borsa con sede centrale nel Regno Unito. Aviva Investors Canada, Inc. (“AIC”) ha sede a Toronto ed è registrata presso la Ontario Securities Commission (“OSC”) come Portfolio Manager, Exempt Market Dealer e Commodity Trading Manager. Aviva Investors Americas LLC è una società di consulenza per gli investimenti registrata a livello federale presso la U.S. Securities and Exchange Commission. Aviva Investors Americas è inoltre Commodity Trading Advisor (“CTA”) e Commodity Pool Operator (“CPO”), con registrazione presso la Commodity Futures Trading Commission (“CFTC”) e fa parte della National Futures Association (“NFA”). Il modulo ADV Parte 2A dell’AIA, che fornisce informazioni relative alla società e alle sue prassi di business, è disponibile inoltrando richiesta scritta presso: Compliance Department, 225 West Wacker Drive, Suite 2250, Chicago, IL 60606.

RA18/0651/01062019

Opinioni correlate