Perché la governance è fondamentale per ripristinare la fiducia nell'infrastruttura del Regno Unito

Il settore delle infrastrutture del Regno Unito deve affrontare le proprie carenze e agire nel migliore interesse di tutti gli stakeholder. Sviluppare un codice di condotta potrebbe essere un buon punto di partenza, affermano Darryl Murphy e Mirza Baig.

4 minuti di lettura

construction workers looking up at a building

Il Regno Unito, come molti altri paesi del mondo, sta affrontando la complessa sfida di garantire che vi siano sufficienti investimenti nelle infrastrutture al fine di tenere il passo con i cambiamenti e le esigenze sociali, economiche e tecnologiche. Il Government National Infrastructure Delivery Plan, nel 2016 ha dichiarato che erano necessari più di 480 miliardi di sterline nel periodo fino alla fine di questo decennio e oltre1. Di questi, è stato proposto il finanziamento e l'erogazione del 50 percento da parte del settore privato.

Il 10 luglio, la National Infrastructure Commission (NIC) il tanto atteso National Infrastructure Assessment (NIA) (Valutazione infrastrutturale a livello nazionale), che fornirà un percorso per l'investimento nelle infrastrutture fino al 2050, al fine di costruire la nostra società futura2. La valutazione contiene una serie di raccomandazioni, ivi compresi un passaggio a fonti rinnovabili e a basse emissioni di carbonio per l'energia e il riscaldamento; un piano a banda larga a livello nazionale; la difesa dalle inondazioni e il passaggio a veicoli elettrici.

Se Commissione sottolinea che le sue raccomandazioni non sono certamente “una lista di desideri inaccessibile” per il governo, il settore privato ha una forte presenza all’interno del NIA nell’ambito del piano di investimento ed erogazione a lungo termine. La NIC sostiene inoltre che “sia il governo che istituzioni statali indipendenti a libera concorrenza possono contribuire a sostenere questo investimento, assorbendo il rischio che al mercato risulti difficile gestire e sostenendo le funzioni di due diligence per progetti innovativi”.

Tuttavia, nonostante la centralità della finanza privata nella fornitura attuale e futura di servizi pubblici essenziali, il settore sta affrontando una mancanza di fiducia senza precedenti, che rischia di far deragliare la strategia di modernizzazione del Regno Unito. 

Come siamo arrivati fino a questo punto?

Una delle questioni chiave che ha influenzato l'atteggiamento fluttuante e la politica del governo è rappresentata dalla natura a lungo termine degli investimenti infrastrutturali, che spesso possono risultare scomodi entro un ciclo politico più breve. I ministeri incaricati di fornire finanziamenti e supervisione sono spesso diversi da quelli che approvano i progetti. Inoltre, i megaprogetti e i servizi che hanno un impatto diretto sulle comunità locali diventano regolarmente argomenti scottanti per i partiti dell'opposizione al fine di contrastare le loro posizioni economiche e ideologiche.

In questo contesto, i ministri Conservatori, i comitati selezionati e l'attuale opposizione Laburista si sono sentiti obbligati a esaminare il funzionamento delle finanze private, con il Partito Laburista che richiede la cessazione dei contratti di Private Finance Initiative (PFI)/Public Private Partnership (PPP) e la nazionalizzazione dei servizi di pubblica utilità privati2. Il fallimento di Carillion ha solamente intensificato l'esame volto a mettere i progetti pubblici essenziali nelle mani del settore privato.

Al di là della politica, gli investitori privati e gli operatori dei servizi pubblici hanno raggiunto una serie di obiettivi propri grazie al modo in cui hanno determinato il prezzo e strutturato i contratti. Ogni titolo di una scuola o di un ospedale chiuso sotto il peso di pagamenti inflessibili a lungo termine dei PFI rafforza ulteriormente la percezione che il pubblico venga "smantellato" da operatori privati senza scrupoli. Tale conclusione è stata espressa più formalmente nel report del National Audit Office sul PF2 a gennaio 20183, che ha sollevato seri dubbi sul valore del denaro erogato attraverso l’uso storico di PFI/PPP. Il report ha stimato che il governo avrebbe potuto risparmiare tra il 40 e il 70 per cento sul valore dei contratti ottenuti se avesse finanziato direttamente i progetti. 

L'attuale dibattito va ben oltre il PPP come strumento di consegna e va direttamente al cuore del mercato delle infrastrutture che è stato sagomato negli ultimi 30 anni, risalendo alla privatizzazione delle imprese statali negli anni 80'. L’industria delle infrastrutture ha una breve finestra per affrontare e risolvere questa mancanza di fiducia o esiste il rischio di compromettere sia la propria vitalità economica a lungo termine sia la capacità del Regno Unito di rimanere un’economia leader.

Risolvere i fallimenti di governance

Il settore privato ha cercato di rispondere alle crescenti critiche evidenziando l'impatto positivo che gli investimenti nelle infrastrutture hanno avuto in molti settori, tra i quali cui acqua, energia, scuole, ospedali e trasporti. Tuttavia, il reale valore per i cittadini non è stato né espresso chiaramente né sufficientemente promosso. Questo è in parte dovuto al mancato impegno solido e trasparente con tutti gli stakeholder durante il ciclo di vita del progetto o servizio.

Tradizionalmente, gli operatori privati delle infrastrutture e dei servizi pubblici si sono concentrati sulla dimostrazione delle loro credenziali ambientali come misura primaria delle loro pratiche responsabili. Pur rimanendo una considerazione critica, non è stata attribuita pari importanza alla governance delle loro operazioni, che fornisce il quadro generale della loro condotta e del loro comportamento. Ciò è in parte dovuto all'errata convinzione che la governance sia una questione di interesse pubblico piuttosto che di società ed entità private non quotate in borsa.

Tuttavia, una corretta governance è essenziale per fornire valore a lungo termine. Affinché le imprese possano rimanere sostenibili e prospere, devono acquisire piena conoscenza del proprio ruolo nel contesto più ampio in cui operano e sforzarsi di sviluppare relazioni profonde e positive con clienti, agenzie governative, fornitori, dipendenti e comunità. Le revisioni al UK Corporate governance code (Codice di corporate governance per il Regno Unito)4, che pongono l’accento sullo scopo sociale, sulla cultura e sui rapporti con gli stakeholder come principi fondamentali, sono benvenute. Sebbene il Codice sia rivolto alle società pubbliche, gli insegnamenti tratti dal crollo di BHS si sono già tradotti in richieste volte a innalzare gli standard di governance nelle società private.

Vi sono altre tendenze a lungo termine che inevitabilmente avranno un impatto, tra le quali le richieste di una distribuzione più equa del valore e della ricchezza nella società e l'aumento degli investimenti in campo ambientale, sociale e di governance (ESG). Sebbene le infrastrutture rimangano una classe di attivi unica, l'impatto di questi fenomeni sul settore è inevitabile. A tempo debito, ciò significherà che la miopica ricerca della massimizzazione degli utili a breve termine a scapito del “valore dello stakeholder” comporterà probabilmente un fallimento aziendale, mentre le entità incapaci di dimostrare solide credenziali ESG saranno prive di capitale o saranno tenute a pagare un premio di rischio significativo.

La strada da percorrere

Nonostante le ovvie sfide, i vincoli imposti ai bilanci pubblici significano che la finanza privata continuerà a svolgere un ruolo importante nel futuro delle infrastrutture e dei servizi pubblici. Sebbene incomba la minaccia di panorami normativi comprendenti norme vincolanti, gli attori privati hanno l'opportunità di definire in modo proattivo l'agenda delle riforme. Ciò richiederà al settore di andare oltre l'approccio obsoleto di guardare i progetti esclusivamente attraverso la lente degli obblighi contrattuali, e riconoscere che il loro obiettivo primario è fornire beni e servizi pubblici di alta qualità ed economicamente convenienti.

Per riconquistare la fiducia dei cittadini sarà necessario che i leader del settore definiscano standard più chiari; creino una cultura che ponga l’interesse pubblico in cima alle agende di amministrazione e gestione e si impegnino con gli stakeholder maggiori in modo onesto, trasparente e reattivo. Dalla lettura dell’esperienza delle società quotate in borsa, l’evoluzione dell’idea di un valore per gli azionisti “illuminato” dovrebbe portare a una distribuzione più equa e più equilibrata di valore e vantaggi. I profitti eccessivi devono essere scambiati per partnership considerate maggiormente redditizie a lungo termine. Questo contribuirà a ricollocare il settore su una base più sostenibile.

Un possibile meccanismo per dimostrare l'impegno del settore a cambiare, potrebbe essere lo sviluppo di un codice di condotta volontario per affrontare le questioni chiave evidenziate, ivi compreso lo scopo sociale, una solida governance amministrativa con livelli di indipendenza adeguati e un quadro dettagliato per coinvolgere gli stakeholder. La credibilità del codice richiederebbe l'istituzione di un comitato di sorveglianza che monitori la conformità e che possa dimostrare un cambiamento comportamentale significativo nel settore.

Per soddisfare le esigenze delle infrastrutture del Regno Unito nei prossimi 30 anni saranno necessarie relazioni efficaci tra investitori privati, settore pubblico e il pubblico. Queste relazioni sono state sostanzialmente danneggiate e occorrerà tempo e impegno per rimediare alla mancanza di fiducia. 

Il settore privato deve ora dimostrare di essere in grado di agire in modo rapido, deciso e responsabile nel ridefinire i suoi legami con il governo e con l'opinione pubblica in generale e cercare di rivedere la sua dichiarazione d'intenti, la sua cultura e la sua condotta. Questo contribuirebbe a spostare la narrativa delle dinamiche del capitale privato e dei progetti di interesse pubblico da un gioco a somma zero a una partnership essenziale e reciprocamente vantaggiosa per tutti gli stakeholder.

Riferimenti

1 National Infrastructure Delivery Plan 2016 to 2021, GOV.UK

2 National Infrastructure Assessment 2018, National Infrastructure Commission

2 John McDonnell: Labour public ownership plan will cost nothing, BBC News, 10 February 2018

3 PFI and PF2, National Audit Office, 18 January 2018

4 Consulting on a revised UK Corporate Governance Code, Financial Reporting Council, 5 December 2017

Autore

Informazioni importanti

Salvo ove altrimenti indicato, la fonte di tutte le informazioni è Aviva Investors Global Services Limited (“Aviva Investors”) al martedì 12 luglio 2018. Tranne se diversamente specificato, i pareri e le opinioni espressi sono di Aviva Investors e non devono essere considerati come una garanzia di rendimento di un investimento gestito da Aviva Investors né una consulenza di qualsivoglia natura. Le informazioni contenute nel presente documento sono state ottenute da fonti ritenute affidabili, ma non sono state verificate in modo indipendente da Aviva Investors e pertanto non se ne garantisce l’accuratezza. Le performance conseguite in passato non costituiscono un’indicazione di rendimenti futuri. Il valore di un investimento e il reddito da esso riveniente sono soggetti a rialzi e ribassi ed è possibile che gli investitori non recuperino l’importo originariamente investito. Nessun elemento del presente documento, incluso ogni riferimento a particolari titoli, asset class e mercati finanziari, deve essere inteso o interpretato come una consulenza o raccomandazione di alcun genere. Il presente documento non costituisce una raccomandazione di acquisto o vendita di alcun investimento.

Nel Regno Unito e in Europa, il presente documento è stato redatto e pubblicato da Aviva Investors Global Services Limited, registrata in Inghilterra, N.1151805. Sede legale: St. Helen’s, 1 Undershaft, Londra, EC3P 3DQ. Autorizzata e regolamentata nel Regno Unito dalla Financial Conduct Authority. Contattaci presso Aviva Investors Global Services Limited, St Helen’s, 1 Undershaft, Londra EC3P 3DQ. Le telefonate ad Aviva Investors possono essere registrate a scopo di formazione e monitoraggio. A Singapore, il presente documento è distribuito ai sensi di un accordo con Aviva Investors Asia Pte. Limited esclusivamente ad investitori istituzionali. Si ricorda che Aviva Investors Asia Pte. Limited non fornisce servizi indipendenti di ricerca o di analisi per quanto attiene al contenuto o alla redazione del presente documento. I destinatari del presente documento sono tenuti a contattare Aviva Investors Asia Pte. Limited per qualunque questione da esso derivante o a esso correlata.  Aviva Investors Asia Pte. Limited è una società costituita ai sensi delle leggi di Singapore con numero di registrazione 200813519W, che detiene una regolare licenza di fornitura di servizi ai mercati dei capitali (Capital Markets Services License) finalizzata allo svolgimento di attività di gestione fondi, rilasciata in conformità alla legge Securities and Futures Act (Statuto Singapore Cap. 289) e che si qualifica come Asian Exempt Financial Adviser ai fini della legge Financial Advisers Act (Singapore Statute Cap.110). Sede legale: 1Raffles Quay, #27-13 South Tower, Singapore 048583. In Australia, il presente documento è distribuito ai sensi di un accordo con Aviva Investors Pacific Pty Ltd unicamente ad investitori wholesale. Si ricorda che Aviva Investors Pacific Pty Ltd non fornisce servizi indipendenti di ricerca o di analisi per quanto attiene al contenuto o alla redazione del presente documento. I destinatari del presente documento sono tenuti a contattare Aviva Investors Pacific Pty Ltd per qualunque questione da esso derivante o a esso correlata. Aviva Investors Pacific Pty Ltd, società costituita ai sensi delle leggi australiane, Australian Business No. 87 153 200 278 e Australian Company No. 153 200 278, detiene una licenza di fornitura di servizi finanziari in Australia (Australian Financial Services License - AFSL 411458) rilasciata dalla Australian Securities and Investments Commission. Sede legale: Level 30, Collins Place, 35 Collins Street, Melbourne, Vic 3000.

La denominazione “Aviva Investors” utilizzata in questa presentazione si riferisce all’organizzazione globale di società di gestione patrimoniale affiliate operanti come Aviva Investors. Ciascuna affiliata di Aviva Investors è una controllata di Aviva plc, multinazionale di servizi finanziari quotata in borsa con sede centrale nel Regno Unito. Aviva Investors Canada, Inc. (“AIC”) ha sede a Toronto ed è registrata presso la Ontario Securities Commission (“OSC”) come Portfolio Manager, Exempt Market Dealer e Commodity Trading Manager. Aviva Investors Americas LLC è una società di consulenza per gli investimenti registrata a livello federale presso la U.S. Securities and Exchange Commission. Aviva Investors Americas è inoltre Commodity Trading Advisor (“CTA”) e Commodity Pool Operator (“CPO”), con registrazione presso la Commodity Futures Trading Commission (“CFTC”) e fa parte della National Futures Association (“NFA”).  Il modulo ADV Parte 2A dell’AIA, che fornisce informazioni relative alla società e alle sue prassi di business, è disponibile inoltrando richiesta scritta presso: Compliance Department, 225 West Wacker Drive, Suite 2250, Chicago, IL 60606

RA18/0741/01072019

Opinioni correlate