Alcuni economisti hanno infatti sostenuto che è possibile separare la crescita economica dai danni ambientali.

L’International Resource Panel  (IRP) del programma delle Nazioni Unite per l'ambiente indica che le economie avanzate tendono a ottenere una crescita maggiore a un costo ambientale relativamente inferiore - anche se continuano ad aumentare il loro uso delle risorse in termini assoluti - in quanto diventano tecnologicamente più sofisticate ed efficienti.1

Il continuo passaggio all'energia verde contribuisce a questo tipo di disaccoppiamento "relativo”.

L’International Resource Panel  (IRP) del programma delle Nazioni Unite per l'ambiente indica che le economie avanzate tendono a ottenere una crescita maggiore a un costo ambientale relativamente inferiore - anche se continuano ad aumentare il loro uso delle risorse in termini assoluti - in quanto diventano tecnologicamente più sofisticate ed efficienti.2

Pur apprezzando questa transizione, va rilevato che i pannelli solari e le turbine eoliche utilizzano ancora risorse ambientali limitate, come terreni e materiali. Alcuni paesi che sembrano disallinearsi, come la Germania e il Giappone, spesso "esportano” il proprio consumo di risorse utilizzando beni prodotti all'estero utilizzando grandi quantità di acqua e minerali.

Nel complesso, le economie avanzate consumano ancora molte più risorse naturali di quelle in via di sviluppo: l'IRP ha osservato che il cittadino medio di un'economia sviluppata come il Canada consuma 25 tonnellate di minerali, minerali grezzi, combustibili fossili e biomasse all'anno, rispetto alle quattro tonnellate del cittadino medio indiano.3

Tenendo presente la questione della sostenibilità, alcuni esperti hanno chiesto misure alternative di benessere economico per sostituire l'enfasi sul PIL. Tim Jackson, professore di sviluppo sostenibile all’Università di Surrey e consulente di Aviva Investors, ha prodotto la sua relazione fondamentale per il 2009  Prosperity Without Growth sulla base del fatto che, oltre un certo punto, la crescita non aumenta il benessere umano.4 Diane Coyle chiede di spostare l'attenzione sull'"accesso” ai benefici economici, lasciando la conservazione del "capitale naturale” come tema centrale.

Intanto, Jonathan Haskel sostiene che la salute dell’ambiente potrebbe essere inclusa nel quadro di un PIL riformato, per cui la riforestazione conta come un investimento in “capitale ambientale”, mentre inquinare la Grande Barriera Corallina lo danneggia.

L’indice Happy Planet della New Economics Foundation è una delle prime misure globali di benessere sostenibile. Questo indice raccoglie i dati globali sul benessere, l'aspettativa di vita e l'impronta ecologica per rivelare un indice di cui i paesi sono più efficienti nel permettere una vita lunga e felice per i loro cittadini, pur mantenendo le condizioni affinché le generazioni future facciano lo stesso.5

Poiché non esiste ancora un consenso su come riformare o sostituire il PIL, sembra probabile che il dibattito sulla compatibilità della crescita economica e del benessere ambientale proseguirà per molto. 

Fonti

  1. ‘Decoupling natural resource use and environmental impacts from economic growth,’ UNEP, 2011
  2. ‘The irreversible momentum of clean energy’, Science, June 2017
  3. Op. cit.
  4. Tim Jackson, Prosperity without growth: Economics for a finite planet (Routledge, 2009)
  5. happyplanetindex.org/

Informazioni importanti

Il presente documento è riservato a clienti professionali e consulenti. Non è destinato a essere letto da, o usato con, clienti retail.

Salvo ove altrimenti indicato, la fonte di tutte le informazioni è Aviva Investors Global Services Limited (AIGSL), al 25 settembre 2018. Tranne se diversamente specificato, i pareri e le opinioni espressi sono di Aviva Investors e non devono essere considerati come una garanzia di rendimento di un investimento gestito da Aviva Investors né una consulenza di qualsivoglia natura. Le informazioni contenute nel presente documento sono state ottenute da fonti ritenute affidabili, ma non sono state verificate in modo indipendente da Aviva Investors e pertanto non se ne garantisce l’accuratezza. Le performance conseguite in passato non costituiscono un’indicazione di rendimenti futuri. Il valore di un investimento e il reddito da esso riveniente sono soggetti a rialzi e ribassi ed è possibile che gli investitori non recuperino l’importo originariamente investito. Nessun elemento del presente materiale, incluso ogni riferimento a particolari titoli, asset class e mercati finanziari, deve essere inteso o interpretato come una consulenza o raccomandazione di alcun genere. Il presente materiale non costituisce una raccomandazione di acquisto o vendita di alcun investimento.

Nel Regno Unito e in Europa, il presente materiale è stato preparato e pubblicato da AIGSL, registrata in Inghilterra, N.1151805. Sede legale: St. Helen’s, 1 Undershaft, Londra, EC3P 3DQ. Autorizzata e regolamentata nel Regno Unito dalla Financial Conduct Authority. A Singapore, il presente materiale è distribuito ai sensi di un accordo con Aviva Investors Asia Pte. Limited (AIAPL) esclusivamente ad investitori istituzionali. Si ricorda che AIAPL non fornisce servizi indipendenti di ricerca o di analisi per quanto attiene al contenuto o alla preparazione del presente materiale. I destinatari del presente materiale sono tenuti a contattare AIAPL per qualunque questione da esso derivante o a esso correlata. AIAPL è una società costituita ai sensi delle leggi di Singapore con numero di registrazione 200813519W, che detiene una regolare licenza di fornitura di servizi ai mercati dei capitali (Capital Markets Services License) finalizzata allo svolgimento di attività di gestione fondi, rilasciata in conformità alla legge Securities and Futures Act (Singapore Statute Cap. 289) e che si qualifica come Asian Exempt Financial Adviser ai fini della legge Financial Advisers Act (Singapore Statute Cap.110). Sede legale: 1Raffles Quay, #27-13 South Tower, Singapore 048583. In Australia, il presente materiale è distribuito ai sensi di un accordo unicamente ad investitori wholesale. Si ricorda che Aviva Investors Pacific Pty Ltd (AIPPL) non fornisce servizi indipendenti di ricerca o di analisi per quanto attiene al contenuto o alla preparazione del presente materiale. I destinatari del presente materiale sono tenuti a contattare AIPPL per qualunque questione da esso derivante o a esso correlata. AIPPL, società costituita ai sensi delle leggi australiane, Australian Business No. 87 153 200 278 e Australian Company No. 153 200 278, detiene una licenza di fornitura di servizi finanziari in Australia (Australian Financial Services License - AFSL 411458) rilasciata dalla Australian Securities and Investments Commission. Sede legale: Level 30, Collins Place, 35 Collins Street, Melbourne, Vic 3000, Australia.

La denominazione “Aviva Investors” utilizzata nel presente materiale si riferisce all’organizzazione globale di società di gestione patrimoniale affiliate operanti come Aviva Investors. Ciascuna affiliata di Aviva Investors è una controllata di Aviva plc, multinazionale di servizi finanziari quotata in borsa con sede centrale nel Regno Unito. Aviva Investors Canada, Inc. (“AIC”) ha sede a Toronto ed è registrata presso la Ontario Securities Commission (“OSC”) come Portfolio Manager, Exempt Market Dealer e Commodity Trading Manager. Aviva Investors Americas LLC è una società di consulenza per gli investimenti registrata a livello federale presso la U.S. Securities and Exchange Commission. Aviva Investors Americas è inoltre Commodity Trading Advisor (“CTA”) e Commodity Pool Operator (“CPO”), con registrazione presso la Commodity Futures Trading Commission (“CFTC”) e fa parte della National Futures Association (“NFA”). Il modulo ADV Parte 2A dell’AIA, che fornisce informazioni relative alla società e alle sue prassi di business, è disponibile inoltrando richiesta scritta presso: Compliance Department, 225 West Wacker Drive, Suite 2250, Chicago, IL 60606.

RA18/0954/23092019

Opinioni correlate