Il prodotto interno lordo è la principale misura della salute economica. Il PIL non è, tuttavia, in grado di tenere conto delle dinamiche delle economie moderne e dei danni all'ambiente, tanto che alcuni esperti chiedono una riforma.

Tale è l'onnipresenza del PIL nella vita pubblica che è facile dimenticare che non è un fenomeno naturale ma un'invenzione umana, come la torta al cioccolato o il motore a combustione interna. E come un'auto vecchia che attraversa l'autostrada, il PIL sta lottando per stare al passo con le richieste del mondo moderno.

Mentre gli investimenti si spostano verso i settori dei servizi e gli attivi digitali, il PIL non fornisce un quadro preciso delle performance delle economie.

Non spiega la distribuzione dei guadagni economici, il che potrebbe spiegare perché i governi occidentali non sono riusciti a prevedere i voti populisti degli ultimi anni. E' giunto il momento di sostituire il PIL o rimane uno strumento indispensabile, nonostante i suoi difetti?

“Se state cercando di valutare spesa e reddito, il PIL rimane la statistica più pertinente, ma non è perfetta", afferma Stewart Robertson, Senior Economist per il Regno Unito e l’Europa di Aviva Investors.

“È abbastanza facile misurare il numero di widget che esce da una fabbrica, ma quantificare il valore economico prodotto dalle industrie digitali e creative è molto più difficile. In un'economia in evoluzione in queste direzioni, è legittimo chiedersi se il PIL sia ancora adatto allo scopo".

Una breve storia del PIL

Il PIL è una creazione relativamente recente. I primi conti nazionali completi sono stati ideati dall'economista russo-americano Simon Kuznet, che lavorava nell'amministrazione del Presidente USA Franklin D. Roosevelt negli anni ‘30.

Il predecessore di Roosevelt, Herbert Hoover, si era basato su dati frammentari, come gli indici dei mercati azionari e i carichi delle autovetture, per misurare l'impatto economico del Wall Street Crash del 1929. Kuznet elaborò però una metrica più accurata, che potrebbe indicare l'intera produzione di una nazione in un unico numero. Lui e il suo piccolo team attraversarono l'America, visitando fabbriche e aziende agricole per condurre interviste e raccogliere dati. Nel 1934, presentò la sua prima relazione, che rivelò un fatto scioccante: l'economia statunitense si era quasi dimezzata dopo il crollo.1

Nel periodo precedente la Seconda guerra mondiale, il governo degli Stati Uniti trovò un modo utile per misurare la capacità economica della nazione  e la probabilità di una vittoria militare. Kuznet lavorò nel Comitato di pianificazione del Consiglio di produzione della guerra e potrebbe aver influenzato i tempi di ingresso dell'America nella guerra, essendo giunto alla conclusione  che gli Stati Uniti si sarebbero trovati in una posizione migliore se avessero ritardato il loro coinvolgimento.2

Il PIL non fornisce un quadro preciso delle performance delle economie

All’incirca nello stesso periodo, l’economista britannico John Maynard Keynes stava portando avanti un lavoro simile dall’altra parte dell’Atlantico. Il contributo fondamentale di Keynes era includere la spesa pubblica nei calcoli sulla portata dell'economia. Sulla base delle teorie di Keynes, i governi nel periodo postbellico utilizzavano le statistiche della contabilità nazionale per creare modelli econometrici e proiettare l’impatto delle decisioni politiche grazie ai cosiddetti “moltiplicatori fiscali”. Il PIL è diventato uno strumento chiave della gestione macroeconomica.

Crescita e benessere

Esistono tre modi principali di misurare il PIL: produzione, reddito o spesa. Il metodo più familiare utilizza la spesa, secondo la formula PIL = C + I + G + (X - M) o la spesa al consumo più gli investimenti lordi più la spesa pubblica più le esportazioni meno importazioni. Tuttavia, questa equazione apparentemente semplice nasconde molte complessità.

Per esempio, le stime della spesa al consumo sono soggette a un aggiustamento stagionale per appianare le fluttuazioni nel corso di un anno. Come altre componenti della domanda, i numeri del PIL sono aggiustati per l’inflazione usando un indice generale dei prezzi o un deflatore. Sono necessarie ulteriori modifiche per confrontare l'andamento delle diverse economie, da qui i tassi di conversione per la parità del potere d'acquisto (PPP).

La cifra finale del PIL comporta pertanto molti aggiustamenti, stime e congetture sulla base dei risultati precedenti, afferma Robertson. “Si misura un valore nominale, si ricava un indice di prezzo e si usa l'indice di prezzo per stabilire un valore reale. Il processo è piuttosto intricato con ampi margini di errore. Nel 1996, la Boskin Commission negli Stati Uniti scoprì che l'indice dei prezzi al consumo (CPI) sovrastimava l'inflazione di 1,1 punti percentuali l'anno, il che significa che la produzione era superiore a quanto si pensava in precedenza".

Nonostante questi problemi, i governi del 20° secolo hanno trovato il Pil un modo efficace per misurare la salute delle loro economie e un indicatore praticabile per il tenore di vita generale. La forte crescita del dopoguerra è stata accompagnata da un aumento dell'occupazione, redditi più elevati, una maggiore gamma di beni di consumo e un'innovazione diffusa - quella che il Primo Ministro britannico Harold Wilson definì il "riscaldamento bianco" della tecnologia. Secondo le ricerche di Nicholas Oulton della London School of Economics, l'aumento del PIL pro capite è stato positivamente correlato con una minore mortalità infantile e un'aspettativa di vita più lunga.3

Cosa c'è dentro e cosa c'è fuori?

Tuttavia, il PIL è un indice imperfetto per misurare il benessere generale di una nazione. Nel suo recente libro  The Growth Delusion, Financial Times, Il giornalista David Pilling critica quello che definisce "culto della crescita”, sostenendo che l'attenzione dei responsabili politici sul PIL sia problematica. Egli sottolinea che la crescita del PIL dipende da un continuo aumento del consumo umano, che minaccia di causare danni irreversibili all'ambiente.

Pilling sottolinea inoltre che il PIL comprende ogni sorta di pratica moralmente dubbia nelle sue misurazioni. Kuznet era convinto che il PIL dovesse includere solo attività che contribuiscono al benessere umano, ma oggi la guerra, la criminalità organizzata e le catastrofi naturali possono tutti aumentare la produzione.

Insieme agli obiettivi di spesa basati sul Pil, queste inclusioni possono portare ad assurdità. Nel 2015, ilFT ha riferito che l'anno precedente un aumento del traffico illegale di droga e del lavoro sessuale hanno aggiunto 9,7 miliardi di sterline al PIL del Regno Unito e, lo stesso giorno, ha pubblicato un editoriale in cui si discuteva l'impegno della Gran Bretagna di mantenere la spesa per la difesa al due per cento del PIL. Traendo le conclusioni, la lettera di un lettore osservò: "Se solo le prostitute lavorassero un po' di più, l'esercito potrebbe avere qualche pistola in più".4

Anche se include i proventi del lavoro illegale, il PIL esclude una serie di attività che la società ritiene utili, come assistenza sociale non retribuita, cura dei figli e lavori domestici. Nel 2000, gli economisti britannici hanno calcolato che il totale del lavoro domestico non retribuito ammontava a 877 miliardi di sterline, ovvero circa il 45 per cento dell'attività economica del paese per quell'anno.5

A parte le discussioni su cosa includere, ci possono essere problemi nel recuperare i dati pertinenti, soprattutto nelle economie emergenti, dove vaste aree di attività commerciale sono invisibili alle statistiche del governo centrale.

gdp per capita graph

Nel 2014, ad esempio, la Nigeria ha annunciato i risultati di un sondaggio statistico triennale che ha scoperto che l’economia era del 90 per cento più grande di quanto si pensasse in precedenza. Da un giorno all’altro, il paese ha scavalcato il Sudafrica come più grande economia del continente; il suo rapporto debito-PIL è sceso precipitosamente e i suoi mercati hanno immediatamente iniziato ad attirare maggiori investimenti esteri la vita quotidiana è nondimeno, cambiata poco per le persone che gestiscono le piccole imprese rurali e il cui contributo economico è stato registrato tardivamente nei conti nazionali.6

Il PIL comporta molti aggiustamenti, stime e congetture

L’economia intangibile

Anche la misurazione del PIL sta diventando più difficile nelle economie avanzate, in quanto i servizi sostituiscono la produzione come fattore trainante della crescita. È molto più facile misurare i risultati di uno stabilimento che produce oggetti tangibili piuttosto che di una società di specializzata nella consulenza o nella progettazione di prodotti.

La crescita degli investimenti in beni immateriali quali dati, progettazione e competenze non fa che aggravare questo problema. Molte aziende all'avanguardia ora si affidano a piattaforme digitali con scarsa presenza fisica: Airbnb, il più grande fornitore di alloggi al mondo, possiede un patrimonio immobiliare minimo. 

Uber, la più grande società di taxi al mondo, non ha quasi nessun veicolo in portafoglio.

Jonathan Haskel, professore di economia all'Imperial College di Londra, che entrerà a far parte del Comitato di politica monetaria della Bank of England a settembre, ha analizzato l'ascesa dell'economia intangibile nel suo libro  Capitalism Without Capital,, di cui è co-autore insieme a Stian Westlake.7 Egli afferma che il PIL non registra con precisione le attività delle società focalizzate sull'intangibilità.

“Se vogliamo seguire l'economia attraverso il PIL, in particolare quando si alza o si abbassa, dobbiamo misurare meglio i beni immateriali. 

Poiché molti beni immateriali riguardano il miglioramento dei prodotti - pensiamo alla spesa per il design e il branding - dobbiamo essere sicuri di misurare i nuovi prodotti e i loro prezzi quando esaminiamo il PIL.

“Quando prendiamo in esame un benessere più ampio, entrano in gioco anche tutti questi fattori: se vogliamo misurare il benessere dei consumatori e la portata del loro potere d'acquisto, dobbiamo essere sicuri di catturare tutto ciò che possono potenzialmente acquistare", aggiunge Haskel.

È probabile che parte del contributo economico delle società tecnologiche non sia registrato, il che potrebbe significare che sottovalutiamo la crescita complessiva. 

9,7 mld di sterline britanniche contributo delle droghe illegali e del lavoro sessuale al PIL del Regno Unito nel 2015

Ancora una volta, alcuni aspetti dell'economia immateriale sono probabilmente negativi per il PIL. Le mansioni che una volta sarebbero state svolte da dipendenti retribuiti vengono automatizzate. Airbnb non ha bisogno, ad esempio, di personale alberghiero o di concierge: i clienti effettuano le proprie prenotazioni e portano le proprie borse nelle stanze - nel linguaggio economico, questi ruoli si sono spostati al di fuori del "confine di produzione”.

Come scrive Will Page, direttore economico del servizio di streaming musicale Spotify: "L'obiettivo delle aziende tecnologiche, in senso statistico, è ridurre il PIL. Eliminare i costi di transazione, che vengono misurati, e sostituirli con la comodità, che non viene misurata.

L'economia si sta, pertanto, restringendo, ma tutti spuntano un affare migliore".8

L'ascesa del populismo

Tutti spuntano davvero l’affare migliore? Sin dall'inizio del secolo, le nuove tecnologie hanno creato una serie di interessanti gadget di consumo che hanno reso le nostre vite più comode, ma l'insoddisfazione per lo stato delle economie occidentali cresce. Il voto per la Brexit nel Regno Unito e l'elezione di Donald Trump negli Stati Uniti sono stati ampiamente attribuiti a un senso di futilità tra gli elettori che erano stati esclusi dai frutti della crescita economica.

Nel fare affidamento sul PIL come principale indicatore economico, i governi potrebbero aver trascurato le tendenze sottostanti. Il PIL non è mai stato concepito per misurare la distribuzione economica: misura semplicemente le dimensioni della torta, non il modo in cui è divisa. Secondo alcuni esperti, il fallimento dei responsabili della definizione delle politiche, nel prevedere l’ascesa del populismo, potrebbe essere stato il risultato della loro dipendenza dalle misurazioni del PIL, tra le dinamiche in rapido cambiamento dell’economia moderna.

“Se in passato l'Office for National Statistics nel Regno Unito avesse investito più risorse nella raccolta di migliori statistiche geografiche regionali, avremmo saputo che alcune parti del paese semplicemente non hanno beneficiato della crescita del PIL per circa 10 anni o più: tutto era molto concentrato nel sud-est", afferma Diane Coyle, professore di politica pubblica Bennett all'Università di Cambridge e autore di  PIL: A Brief but Affectionate History. “Pensiamo di misurare solo quello che vediamo, ma in realtà è il contrario: vediamo cosa viene misurato".

In un recente articolo scritto con Benjamin Mitra-Kahn, Coyle sostiene una riforma in due fasi del PIL: come misura iniziale, il PIL dovrebbe essere modificato per incorporare gli attivi immateriali, eliminare gli investimenti finanziari non produttivi e adeguarsi alla distribuzione del reddito. Infine, il Pil dovrebbe essere registrare “l’accesso” a sei beni chiave: beni fisici, capitale naturale, capitale umano, capitale sociale e istituzionale e capitale finanziario netto. Coyle e Mitra-Kahn sostengono che questo approccio contribuirebbe a evitare quel tipo di "compiacenza per le performance economiche" cui abbiamo assistito negli ultimi tempi.9

“Dovremmo prestare attenzione alla questione distributiva anche se non cambiamo le statistiche", dice Coyle. “Se ci chiedessimo a quali tipi di beni le persone hanno accesso, inizieremmo a pensare ad altre cose: quali sono le infrastrutture di trasporto disponibili per le persone in aree a basso reddito? Come sono le scuole? Sono in grado di costruire il capitale umano per dare alle persone le opportunità di vita di cui hanno bisogno? È possibile pensare alla distribuzione in modo molto più informato se si hanno a disposizione questi dati".

Alternative al PIL

Altri esperti sostengono vale la pena che il PIL rimanga invariato, nonostante i suoi difetti. Nel 2017, l’articolo di Coyle e Mitra-Kahn ha condiviso il premio inaugurale di Indigo in Economia con un’introduzione da parte di Haskel e dei suoi colleghi, in cui si afferma che molte delle proposte alternative al PIL fanno di tutta l’erba un fascio. Sebbene il PIL sia viziato sotto molti aspetti, fornisce ancora ai responsabili della definizione delle politiche e agli investitori un utile barometro delle performance delle economie e quindi una base per un'efficiente allocazione del capitale.

Haskel e il suo team sostengono che il PIL soddisfa due principi chiave di misurazione che le alternative non soddisfano. In primo luogo, evita il “doppio conteggio” misurando solo il valore aggiunto in ogni fase della produzione (ad esempio, conta le vendite di sandwich, ma sottrae il pane usato per produrle). In secondo luogo, la sua dipendenza dai prezzi garantisce che ai beni venga attribuita una rilevanza diversa a seconda della loro importanza economica relativa in un determinato momento.10

USD 1.300 al mese l’importo che gli utenti sarebbero disposti a pagare per i motori di ricerca gratuiti

Il team di Haskel sostiene che dovremmo attenerci al PIL, ma riformarlo per affrontare il suo difetto principale: la sua incapacità di rendere conto dei beni immateriali e del benessere umano in generale. Per garantire che l'uso di beni immateriali "gratuiti” come app e siti web siano registrati nei conti nazionali, il team di Haskel incoraggia l'utilizzo dei sondaggi per determinare quanto i consumatori pagherebbero per loro. Questi sondaggi hanno dimostrato che gli utenti sarebbero disposti a pagare 14 dollari al mese per mantenere il loro accesso a Facebook e ben 1.300 dollari al mese per i motori di ricerca.

Il PIL potrebbe essere esteso anche a un più ampio benessere umano e ambientale. Si potrebbero aggiungere nuove variabili ai conti nazionali per fornire un quadro più completo del benessere generale senza compromettere l'utilità del PIL come indicatore di crescita, investimenti e performance economica. Ad esempio, il tempo libero e l’aspettativa di vita potrebbero essere misurati come un’integrazione ai dati sui consumi, sulla base del fatto che un aumento del reddito non è utile se non si ha tempo libero per spenderlo.11

RIP PIL?

Si è cercato di mettere in pratica questo tipo di riforme. Negli Stati Uniti, il governo del Maryland fa ora riferimento a un indice chiamato  Genuine Progress Indicator (GPI), prima di prendere le sue decisioni di bilancio.12  Il GPI integra i dati del PIL con variabili quali il tempo libero e il lavoro domestico non retribuito, e sottrae i cosiddetti “aspetti spiacevoli”, come l’inquinamento e il pendolarismo. 

Analogamente, nel 2013 l'Ufficio di statistica australiano ha lanciato una piattaforma chiamata Measures of Australia's Progress (MAP) per tracciare istruzione, salute e fiducia sociale insieme alle tradizionali variabili economiche.13 Il MAP ha dimostrato che mentre l’economia e il reddito pro capite erano aumentati nel decennio precedente, la fiducia sociale era rimasta invariata e la salute dell’ambiente naturale era arretrata.

Nonostante queste innovazioni, è probabile che ci vorrà del tempo prima che la maggior parte degli stati, gli economisti e gli investitori smettano di fare affidamento sul PIL, afferma Coyle. "Attualmente c'è molto interesse per il cambiamento, ma è un po' come avere uno standard tecnico, come guidare sul lato sinistro della strada. Nessuno cambierà finché non cambieranno gli altri.

Se i politici cominciassero a dire che il PIL non è importante, tutti i giornali esordirebbero: “Lo dici solo perché non sta crescendo".

Il PIL potrebbe essere esteso per abbracciare un più ampio benessere umano e ambientale

“Vi è quindi bisogno di un qualche tipo di consenso e di una sufficiente autorità intellettuale per sostenere il passaggio a una fase successiva, come è accaduto quando il PIL è stato inventato durante la Seconda Guerra Mondiale e subito dopo. Il dibattito su ciò a cui passeremo è ancora in corso", aggiunge Coyle.

Per ora, il PIL è il miglior parametro che abbiamo per lo stato delle economie, il flusso di investimenti e la ricchezza pro capite. Per parafrasare la famosa osservazione di Winston Churchill sulla democrazia, il PIL rimane il modo peggiore di misurare le economie, a parte tutti gli altri che sono state sperimentati di tanto in tanto.

Fonti

  1. Diane Coyle, GDP: A brief but affectionate history (Princeton University Press, 2014)
  2. David Pilling, The Growth Delusion (Bloomsbury, 2018)
  3. ‘Hooray for GDP,’ CentrePiece magazine, London School of Economics, Winter 2012
  4. Op.cit.
  5. Ibid.
  6. ‘How Nigeria’s economy grew by 89 per cent overnight,’ The Economist, April 2014
  7. Jonathan Haskel and Stian Westlake, Capitalism without capital (Princeton University Press, 2017)
  8. Interview with Pilling, The Growth Delusion
  9. ‘Making the future count,’ Indigo Prize website, September 2017
  10. ‘Improving GDP: demolishing, repointing or extending?,’ Indigo Prize website, September 2017
  11. Ibid.
  12. ‘Maryland Genuine Progress Indicator,’ Maryland state government website
  13. ‘Measures of Australia’s Progress,’ Australian Bureau of National Statistics

Informazioni importanti

Il presente documento è riservato a clienti professionali e consulenti. Non è destinato a essere letto da, o usato con, clienti retail.

Salvo ove altrimenti indicato, la fonte di tutte le informazioni è Aviva Investors Global Services Limited (AIGSL), al 25 settembre 2018. Tranne se diversamente specificato, i pareri e le opinioni espressi sono di Aviva Investors e non devono essere considerati come una garanzia di rendimento di un investimento gestito da Aviva Investors né una consulenza di qualsivoglia natura. Le informazioni contenute nel presente documento sono state ottenute da fonti ritenute affidabili, ma non sono state verificate in modo indipendente da Aviva Investors e pertanto non se ne garantisce l’accuratezza. Le performance conseguite in passato non costituiscono un’indicazione di rendimenti futuri. Il valore di un investimento e il reddito da esso riveniente sono soggetti a rialzi e ribassi ed è possibile che gli investitori non recuperino l’importo originariamente investito. Nessun elemento del presente materiale, incluso ogni riferimento a particolari titoli, asset class e mercati finanziari, deve essere inteso o interpretato come una consulenza o raccomandazione di alcun genere. Il presente materiale non costituisce una raccomandazione di acquisto o vendita di alcun investimento.

Nel Regno Unito e in Europa, il presente materiale è stato preparato e pubblicato da AIGSL, registrata in Inghilterra, N.1151805. Sede legale: St. Helen’s, 1 Undershaft, Londra, EC3P 3DQ. Autorizzata e regolamentata nel Regno Unito dalla Financial Conduct Authority. A Singapore, il presente materiale è distribuito ai sensi di un accordo con Aviva Investors Asia Pte. Limited (AIAPL) esclusivamente ad investitori istituzionali. Si ricorda che AIAPL non fornisce servizi indipendenti di ricerca o di analisi per quanto attiene al contenuto o alla preparazione del presente materiale. I destinatari del presente materiale sono tenuti a contattare AIAPL per qualunque questione da esso derivante o a esso correlata. AIAPL è una società costituita ai sensi delle leggi di Singapore con numero di registrazione 200813519W, che detiene una regolare licenza di fornitura di servizi ai mercati dei capitali (Capital Markets Services License) finalizzata allo svolgimento di attività di gestione fondi, rilasciata in conformità alla legge Securities and Futures Act (Singapore Statute Cap. 289) e che si qualifica come Asian Exempt Financial Adviser ai fini della legge Financial Advisers Act (Singapore Statute Cap.110). Sede legale: 1Raffles Quay, #27-13 South Tower, Singapore 048583. In Australia, il presente materiale è distribuito ai sensi di un accordo unicamente ad investitori wholesale. Si ricorda che Aviva Investors Pacific Pty Ltd (AIPPL) non fornisce servizi indipendenti di ricerca o di analisi per quanto attiene al contenuto o alla preparazione del presente materiale. I destinatari del presente materiale sono tenuti a contattare AIPPL per qualunque questione da esso derivante o a esso correlata. AIPPL, società costituita ai sensi delle leggi australiane, Australian Business No. 87 153 200 278 e Australian Company No. 153 200 278, detiene una licenza di fornitura di servizi finanziari in Australia (Australian Financial Services License - AFSL 411458) rilasciata dalla Australian Securities and Investments Commission. Sede legale: Level 30, Collins Place, 35 Collins Street, Melbourne, Vic 3000, Australia.

La denominazione “Aviva Investors” utilizzata nel presente materiale si riferisce all’organizzazione globale di società di gestione patrimoniale affiliate operanti come Aviva Investors. Ciascuna affiliata di Aviva Investors è una controllata di Aviva plc, multinazionale di servizi finanziari quotata in borsa con sede centrale nel Regno Unito. Aviva Investors Canada, Inc. (“AIC”) ha sede a Toronto ed è registrata presso la Ontario Securities Commission (“OSC”) come Portfolio Manager, Exempt Market Dealer e Commodity Trading Manager. Aviva Investors Americas LLC è una società di consulenza per gli investimenti registrata a livello federale presso la U.S. Securities and Exchange Commission. Aviva Investors Americas è inoltre Commodity Trading Advisor (“CTA”) e Commodity Pool Operator (“CPO”), con registrazione presso la Commodity Futures Trading Commission (“CFTC”) e fa parte della National Futures Association (“NFA”). Il modulo ADV Parte 2A dell’AIA, che fornisce informazioni relative alla società e alle sue prassi di business, è disponibile inoltrando richiesta scritta presso: Compliance Department, 225 West Wacker Drive, Suite 2250, Chicago, IL 60606.

RA18/0954/23092019

Opinioni correlate