Se il mondo vuole raggiungere gli obiettivi dell’Accordo di Parigi, l’architettura finanziaria internazionale ha bisogno di un coordinamento molto più solido sotto la guida di un’OCSE riorganizzata, scrive Steve Waygood.

In un assolato pomeriggio di settembre del 1962, il Presidente John F. Kennedy ha fatto il suo ingresso nello stadio della Rice University di Houston, in Texas. Rivolgendosi alla folla da un podio eretto sul tappeto erboso, ha annunciato l’ambizioso obiettivo del suo governo di portare un astronauta sulla Luna entro la fine del decennio. Il suo discorso è giustamente famoso per l’accorata e vibrante retorica, che ha catturato l’immaginazione di uomini e donne in tutto il mondo.

Abbiamo deciso di farlo in questo decennio e di impegnarci anche in altre imprese; non perché sono semplici, ma perché sono ardite

“Abbiamo iniziato questo viaggio verso nuovi orizzonti perché vi sono nuove conoscenze da conquistare e nuovi diritti da ottenere, perché vengano ottenuti e possano servire per il progresso di tutti”, disse Kennedy. “Abbiamo deciso di farlo in questo decennio e di impegnarci anche in altre imprese; non perché sono semplici, ma perché sono ardite.”

Ma non tutti ricordano la nota di pragmatismo nel discorso: Kennedy proseguì spiegando esattamente in che modo gli Stati Uniti avrebbero portato a termine questa impresa. Delineò il ruolo della NASA alla guida delle missioni Apollo e indicò l’entità degli ulteriori finanziamenti che il governo avrebbe messo a disposizione per trasformare in realtà il sogno dell’America di esplorare lo spazio: la “sbalorditiva somma” di 5,4 miliardi di dollari l’anno.1

La chimera del “lancio sulla Luna” per salvare il clima

La lotta contro il cambiamento climatico viene spesso paragonata, a ragione, al “lancio sulla Luna” di Kennedy. Come nel caso delle missioni lunari, l’iniziativa richiederà ambizione, competenze e una distribuzione senza precedenti delle risorse. Esistono però sostanziali differenze.

L’azione per il clima è ostacolata dalla mancanza di coordinamento

Innanzitutto, il cambiamento climatico, con i suoi effetti globali e i cicli di feedback multidimensionali, è un problema tecnico molto più complesso di un volo spaziale, nonché molto più costoso da risolvere. L’Agenzia internazionale per l’energia stima che la transizione dell’economia mondiale verso una base a zero emissioni nette costerà almeno 1.000 miliardi di dollari l’anno.2 Questa cifra fa sembrare irrisoria la spesa totale per le missioni Apollo, che ammontava a 25 miliardi di dollari (circa 150 miliardi di dollari di oggi, tenuto conto dell’inflazione).

L’azione per il clima è ostacolata anche dalla mancanza di coordinamento. Immaginate cosa sarebbe successo se Kennedy avesse stabilito il proprio obiettivo senza elaborare un piano e si fosse fidato semplicemente degli enti e delle istituzioni pubbliche, insieme alle aziende private con incentivi e interessi estremamente diversi, per trovare un modo per realizzarlo. Questa è una buona analogia per lo stato attuale degli sforzi della finanza climatica sulla scia dell’Accordo di Parigi: un programma spaziale senza la NASA.

Per mobilitare il capitale necessario, stiamo facendo affidamento su un mix di organizzazioni diverse, la maggior parte delle quali è emersa al servizio di un modello capitalista a breve termine, determinato dagli azionisti che si è dimostrato del tutto inadeguato alla sfida climatica. Inoltre, nonostante l’abbondanza di zelanti iniziative sul clima, troppo spesso queste viaggiano su diverse lunghezze d’onda.

Un nuovo ruolo per l’OCSE

Ecco perché Aviva Investors, nell’ambito dell’associazione che riunisce 38 istituzioni di tutto il settore, sta invocando una riforma dell’architettura finanziaria globale prima della riunione del G20 di Roma e della Conferenza delle Parti (COP26) di Glasgow. Riunendo governi, organizzazioni multilaterali e istituzioni finanziarie per attuare uno sforzo di pianificazione ambizioso e coerente, abbiamo l’opportunità di realizzare una transizione fluida e giusta per l’economia globale.

La nostra principale raccomandazione è che l’OCSE assuma un nuovo ruolo di coordinatore e ospite di una piattaforma internazionale per la finanza climatica (IPCF)

La nostra principale raccomandazione è che l’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) assuma un nuovo ruolo di coordinatore e ospite di una piattaforma internazionale per la finanza climatica (IPCF, International Platform for Climate Finance).3 Questa struttura consentirebbe di fornire supporto tecnico ai paesi per aiutarli a rispettare gli impegni sul clima, fornire consulenza alle grandi istituzioni finanziarie private su come potenziare il proprio contributo alla tutela del clima e di sviluppare una sintesi delle esigenze e delle opportunità di finanziamento su scala globale.

A prima vista, l’OCSE potrebbe sembrare un insolito candidato cui affidare le redini delle riforme al sistema finanziario. L’organizzazione è spesso descritta, non senza motivo, come un “club dei paesi ricchi” e il suo ruolo nell’economia globale non è sempre chiaro. Eppure vi sono diverse ragioni per cui l’OCSE si adatta al profilo cercato.

Innanzitutto, è una scelta pragmatica. L’OCSE è già ben finanziata, con circa 380 milioni di euro all’anno. Inoltre, è legata agli stati membri del G20 e alla Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC), oltre ad organismi di normazione finanziaria quali la Banca dei regolamenti internazionali (Bank for International Settlements, BIS), il Consiglio per la stabilità finanziaria (Financial Stability Board, FSB) e l’Organizzazione internazionale delle Autorità di supervisione sui fondi pensione (International Organisation of Pension Supervisors, IOPS). Ciò significa che sarà pronta ad attivarsi rapidamente, risparmiandoci il costoso, e spinoso dal punto di vista politico, processo di costituzione di una nuova organizzazione intergovernativa da zero.

L’OCSE sarà pronta ad attivarsi rapidamente, risparmiandoci il costoso processo di costituzione di una nuova organizzazione

In secondo luogo, dispone delle competenze necessarie. Forte di un organico di 2.500 specialisti, molti dei quali esperti nelle complessità della finanza climatica, l’OCSE sarà in grado di fornire la necessaria assistenza tecnica ai paesi sviluppati e in via di sviluppo, aiutandoli a mettere a punto strategie di finanziamento per i loro contributi determinati a livello nazionale (NDC), agevolando al contempo l'accesso alle risorse di altre istituzioni multilaterali. Grazie all’offerta di questo sostegno e alla contemporanea espansione dei suoi membri, l’OCSE potrebbe liberarsi della nomea di organizzazione dei “paesi ricchi” e promuovere una collaborazione realmente globale sulla finanza climatica.

Infine, l’OCSE ha già un track record nella realizzazione di un ambizioso progetto internazionale di allocazione del capitale. È stata fondata nel 1948 per sovrintendere al Piano Marshall, gestendo i fondi destinati alla ricostruzione in Europa dopo la devastazione della Seconda guerra mondiale. Assumendo la guida dell’impegno nella finanza climatica, l’OCSE riscoprirebbe le proprie origini.

La storia insegna

In breve, una combinazione OCSE-IPCF riorganizzata rappresenta il modo migliore per coordinare l’azione volta a promuovere un futuro più sostenibile per il sistema finanziario globale, per diventare la NASA del clima che programmi una missione di salvataggio in stile “lancio sulla Luna” .

Le prossime riunioni del G20 e della COP26 costituiscono l’occasione ideale per attuare questo piano

Le prossime riunioni del G20 e della COP26 costituiscono l’occasione ideale per attuare questo piano. Come punto di partenza, raccomandiamo al G20 di invitare l’OCSE a elaborare delle proposte di una struttura permanente che fornisca un segretariato per l’IPCF. L’OCSE dovrà inoltre aggiornare i propri principi di corporate governance al fine di integrare l’informativa sul clima e iniziare a inserire gli impegni dei paesi rispetto allo zero netto nelle proprie procedure di valutazione per i nuovi membri.

Nel lungo termine, l’OCSE potrebbe anche ospitare un incontro di confronto biennale sulla strategia di transizione, esteso ai suoi membri, nonché a rappresentanti delle istituzioni finanziarie internazionali, del sistema di sviluppo delle Nazioni Unite, dei principali operatori della società civile e delle attività filantropiche, e il settore privato.

È fondamentale interconnettere tutti i livelli del sistema perché la riforma non riguarda solo le direttive dall’alto. Affinché l’impegno nel campo del finanziamento abbia successo, dobbiamo anche stimolare la transizione dal basso verso l’alto. Uno dei modi per farlo è quello di offrire ai singoli investitori, ovunque essi si trovino, maggiore trasparenza riguardo alle ricadute sul clima delle loro partecipazioni nei fondi pensione. Le innovazioni tecnologiche, compresi gli strumenti digitali con i quali i singoli possono far sentire la propria voce alle assemblee degli azionisti delle società, stanno già contribuendo a rendere il sistema più inclusivo e democratico.4

Uno dei motivi del successo del lancio sulla Luna americano è stato che tutti i soggetti coinvolti sapevano quale contributo dare per fare la differenza

Ripensiamo all’analogia con la NASA: uno dei motivi del successo del lancio sulla Luna americano è stato il modo in cui un’idea estremamente ambiziosa si è tradotta in una definizione più ampia di missione, ossia che tutti i soggetti coinvolti sapevano quale contributo dare per fare la differenza.

C’è un aneddoto famoso sul Presidente Kennedy riguardante la sua visita a Houston, nel 1962, durante la quale si imbatté in un addetto alle pulizie che spazzava i corridoi del centro spaziale. Quando il Presidente gli chiese cosa stesse facendo, questo rispose: “Sto aiutando a mandare un uomo sulla Luna.”5

Questo è un esempio del tipo di chiarezza di obiettivi che dobbiamo prendere in esame per affrontare la crisi climatica. Tramite un piano finanziario globale per il clima solido e coordinato, possiamo assicurarci che i governi, le istituzioni multilaterali, le società e i singoli lavorino in sintonia per conseguire i nostri obiettivi condivisi. Per fare tutto questo in modo corretto, prima che il pianeta vada a fuoco, dobbiamo essere audaci.

Desideri leggere tutti i contenuti di AIQ?

Iscriviti per scaricare una copia in formato PDF o ricevere la copia in formato cartaceo direttamente al tuo indirizzo.

Grazie per aver richiesto una copia del nostro ultimo articolo di AIQ. La invieremo a breve.

Per non perdere i nostri ultimi approfondimenti, visita la nostra pagina principale sul sito .

Abilitare JavaScript nel browser in uso per visualizzare questo contenuto.

Seleziona il formato per la consegna

Seleziona il formato che desideri ricevere.

Se desideri ricevere una copia stampata di AIQ, inserisci di seguito il tuo indirizzo postale completo

Dichiaro di essere qualificato come un cliente professionale o investitore istituzionale/qualificato. Inviando questi dettagli, confermo che desidero ricevere una copia digitale e / o stampata dell'ultimo AIQ e ricevere aggiornamenti e-mail di thought leadership da Aviva Investors, oltre a qualsiasi altra sottoscrizione e-mail che potrei avere con Aviva Investors. Puoi annullare l'iscrizione o personalizzare le tue preferenze email in qualsiasi momento.

Per ulteriori informazioni, visita la nostra Informativa sulla Privacy.

Aviva uses your personal data as set out in our Privacy Policy. We use Google’s reCAPTCHA technology to protect our websites from spam and abuse. The Google Privacy Policy and Terms of Service apply to reCAPTCHA.

Opinioni correlate

Informazioni importanti

QUESTA È UNA COMUNICAZIONE DI MARKETING

Salvo diversamente indicato, la fonte delle informazioni riportate è Aviva Investors Global Services Limited (AIGSL). Salvo diversa precisazione, tutte le opinioni e i pareri appartengono ad Aviva Investors. Le suddette opinioni e pareri non vanno considerati come garanzia dei rendimenti generati dagli investimenti gestiti da Aviva Investors, né come una consulenza di qualsiasi tipo. Le informazioni qui riportate provengono da fonti ritenute affidabili, ma non sono state oggetto di verifica da parte di Aviva Investors, che non ne garantisce l'esattezza. La performance passata non è indicativa dei risultati futuri. Il valore degli investimenti e dei rendimenti da essi generati può aumentare come diminuire e gli investitori potrebbero non recuperare l'intero importo investito. Nulla di quanto qui riportato, compresi eventuali riferimenti a specifici titoli, classi di attivi e mercati finanziari, costituisce o va inteso come una consulenza o una raccomandazione di qualsiasi natura. Alcuni dati mostrati sono ipotetici o previsionali e potrebbero non avverarsi come indicato a causa dei cambiamenti nelle condizioni di mercato e non sono garanzia di risultati futuri. Il presente materiale non è una raccomandazione all'acquisto o alla vendita di investimenti.

Le informazioni contenute nel presente documento sono solo di carattere generale. È fatto obbligo ai soggetti in possesso del presente documento di informarsi e osservare le leggi e i regolamenti del loro ordinamento giuridico. Le informazioni contenute nel presente documento non costituiscono un'offerta o una sollecitazione a soggetti residenti in ordinamenti in cui tale offerta o sollecitazione non è autorizzata o a cui la legge proibisce di estendere offerte o sollecitazioni d’acquisto di questo tipo.

In Europa questo documento è pubblicato da Aviva Investors Luxembourg S.A. Sede legale: 2 rue du Fort Bourbon, 1st Floor, 1249 Lussemburgo. Sotto la supervisione della Commission de Surveillance du Secteur Financier. Una società Aviva. Nel Regno Unito è pubblicato da Aviva Investors Global Services Limited. N. d'iscrizione in Inghilterra 1151805. Sede legale: St Helens, 1 Undershaft, Londra EC3P 3DQ. Autorizzata e disciplinata dalla Financial Conduct Authority. N. di riferimento impresa 119178. In Svizzera, il presente documento è pubblicato da Aviva Investors Schweiz GmbH.

A Singapore, questo materiale è diffuso tramite un accordo con Aviva Investors Asia Pte. Limited (AIAPL) ed è esclusivamente rivolto agli investitori istituzionali. Si ricorda che AIAPL non effettua ricerca o analisi indipendenti in materia o per la preparazione del presente materiale. I destinatari del presente sono invitati a contattare AIAPL per qualsiasi questione derivante o legata al presente materiale. AIAPL, società di diritto di Singapore con n. di iscrizione 200813519W, è titolare di una Licenza per servizi sui mercati dei capitali valida per svolgere attività di gestione di fondi ai sensi del Securities and Futures Act (Singapore Statute Cap. 289) ed è un Consulente finanziario asiatico esente ai sensi del Financial Advisers Act (Singapore Statute Cap.110). Sede legale: 1 Raffles Quay, #27-13 South Tower, Singapore 048583. In Australia, questo materiale è diffuso tramite un accordo con Aviva Investors Pacific Pty Ltd (AIPPL) ed è esclusivamente rivolto agli investitori istituzionali. Si ricorda che AIPPL non effettua ricerca o analisi indipendenti in materia o per la preparazione del presente materiale. I destinatari del presente sono invitati a contattare AIPPL per qualsiasi questione derivante o legata al presente materiale. AIPPL, società di diritto australiano con Australian Business No. 87 153 200 278 e Australian Company No. 153 200 278, è titolare di una Licenza per servizi finanziari in Australia (AFSL 411458) rilasciata dall'Australian Securities and Investments Commission. Sede operativa: Level 27, 101 Collins Street, Melbourne, VIC 3000 Australia.

Il nome "Aviva Investors" nel presente materiale si riferisce nel complesso all'organizzazione di imprese di gestione patrimoniale che opera sotto il nome di Aviva Investors. Ogni consociata di Aviva Investors è una controllata di Aviva plc, società finanziaria multinazionale quotata con sede nel Regno Unito.

Aviva Investors Canada, Inc (“AIC”) ha sede a Toronto e rientra nella regione nordamericana dell’organizzazione di imprese di gestione patrimoniale che opera sotto il nome di Aviva Investors. AIC è registrata presso l'Ontario Securities Commission come gestore di negoziazione di materie prime, dealer di mercato esente, gestore di portafoglio e gestore di fondi d'investimento. AIC è inoltre registrata come dealer di mercato esente e gestore di portafoglio in ogni provincia del Canada e può essere registrata anche come gestore di fondi d'investimento in alcune altre province.

Aviva Investors Americas LLC è accreditata a livello federale come consulente per gli investimenti presso la U.S. Securities and Exchange Commission. Aviva Investors Americas è anche consulente di trading su materie prime ("CTA") registrato presso la Commodity Futures Trading Commission ("CFTC") ed è membro della National Futures Association ("NFA"). Il Modulo ADV Parte 2A di AIA, con informazioni generali sull'azienda e sulle sue politiche, può essere richiesto a: Compliance Department, 225 West Wacker Drive, Suite 2250, Chicago, IL 60606.