La guerra della Russia in Ucraina ha contribuito all’impennata dei prezzi dei prodotti alimentari, sovralimentando l’inflazione globale. I paesi più poveri saranno probabilmente i più colpiti, peggiorando il rischio di disordini sociali. Con le finanze pubbliche e i redditi già sotto pressione, gli investitori debitori dei mercati emergenti dovrebbero essere in allerta.

Leggi questo articolo per comprendere:

  • Perché l’impennata dei prezzi dei prodotti alimentari sta causando grandi problemi alle nazioni più povere
  • Perché gli investitori dovrebbero essere attenti alla minaccia di disordini sociali
  • In che modo questi due fattori si intrecciano con le posizioni fiscali dei paesi EM

I prezzi dei prodotti alimentari, già al livello massimo decennale a causa di una serie di raccolti magri a livello globale, sono saliti alle stelle questa primavera, quando la guerra in Ucraina ha tagliato le scorte del più grande esportatore mondiale di olio di girasole e di un importante produttore di cereali come il mais e il grano.

L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura ha recentemente riferito che il suo indice dei prezzi dei prodotti alimentari ha registrato una media di 157,4 punti a maggio. Tale percentuale era superiore del 22,9% rispetto al maggio 2021 e ha lasciato i prezzi a un esorbitante 73% rispetto a due anni fa.1

Figura 1: I costi degli alimenti in impennata (indice FAO dei costi degli alimenti)
Fonte: Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura. Dati al 30 giugno 20222

Nei mercati emergenti, il tasso di crescita dei prezzi dei prodotti alimentari varia in modo significativo. In alcuni paesi la percentuale è inferiore al cinque percento. Forse, in particolare, i prezzi del riso relativamente stabili hanno contribuito a sopprimere l’inflazione alimentare in gran parte dell’Asia, almeno per ora. Anche i paesi con tassi di cambio ancorati o pesantemente gestiti, ad esempio alcuni stati del Medio Oriente, così come Ecuador e Gabon, sono stati meno colpiti.

Al contrario, Angola, Ghana, Colombia, Sri Lanka ed Egitto stanno vivendo tutti un’inflazione alimentare pari o superiore al 25%.

L’impennata dei prezzi dei prodotti alimentari è particolarmente problematica per i paesi più poveri dove il cibo rappresenta molto più del paniere medio delle famiglie di quanto non lo sia nelle nazioni più ricche. Spesso il più grande componente degli indici dei prezzi al consumo rappresenta in genere circa il 25% della spesa delle famiglie.

Figura 2: Percentuale della spesa delle famiglie per i prodotti alimentari
Percentuale della spesa delle famiglie per i prodotti alimentari
Fonte: BNP Paribas, 18 maggio 20223

Peggioramento delle condizioni commerciali

Anche se l’aumento dei prezzi dei prodotti alimentari potrebbe favorire in generale alcuni paesi, come l’Uruguay che è un importante esportatore di prodotti alimentari, tali paesi sono l’eccezione. L’analisi di Goldman Sachs dimostra che finora quest’anno le condizioni commerciali dei prodotti alimentari - la variazione del prezzo delle esportazioni alimentari / la variazione del prezzo delle importazioni alimentari, ponderate in base alle rispettive quote di PIL delle esportazioni e delle importazioni – sono peggiorate per l’80% dei paesi emergenti.4 In altre parole, il vantaggio economico per questi paesi di un aumento del valore delle loro esportazioni di prodotti alimentari è controbilanciato dal costo crescente dei prodotti alimentari importati.

Qualsiasi vantaggio economico derivante da un aumento del valore delle esportazioni alimentari è controbilanciato dal costo crescente delle importazioni

Anche per i pochi paesi che hanno registrato un miglioramento delle condizioni commerciali alimentari, sebbene ciò avvantaggerà agricoltori ed esportatori agricoli, non attutisce necessariamente i consumatori dall’impatto dell’aumento dei costi alimentari internazionali. Il Brasile ne è un esempio. Anche se il settore agricolo brasiliano sta per beneficiare dell’aumento dei prezzi della soia, il governo potrebbe ancora sentire la necessità di intervenire con sussidi o trasferimenti di pagamenti. L’Argentina si trova in una posizione simile.

Figura 3: L’aumento dei prezzi dei prodotti alimentari lascia la maggior parte dei paesi in condizioni peggiori
L’aumento dei prezzi dei prodotti alimentari lascia la maggior parte dei paesi in condizioni peggiori
Fonte: Goldman Sachs. Dati al mese di maggio 2022

Crescenti disordini sociali

Un’elevata inflazione alimentare è un problema di per sé. Tuttavia, diventa particolarmente preoccupante quando rischia di alimentare disordini sociali e sconvolgimenti politici.

Secondo un recente blog del Fondo monetario Internazionale, dopo un netto calo all’inizio della pandemia, negli ultimi mesi i disordini sociali sono aumentati in tutto il mondo.5 Mentre molte nazioni più ricche hanno visto proteste in piazza contro il crescente costo della vita, il rischio di disordini è particolarmente elevato nei paesi più poveri dove i livelli preesistenti di malnutrizione e insicurezza alimentare sono relativamente elevati.

Lo Sri Lanka è stato sconvolto da una crisi economica e politica, accentuata dall’impennata dei prezzi dei prodotti alimentari e dell’energia

All’inizio dell’anno, lo Sri Lanka è stato sconvolto da una crisi economica e politica, accentuata dall’impennata dei prezzi dei prodotti alimentari e dell’energia, in parte innescata dalla guerra in Ucraina. Sebbene lo Sri Lanka fosse stato a rischio di inadempienza del proprio debito per un certo periodo di tempo, il peggioramento della situazione sociale probabilmente ha accelerato la decisione di un “default preventivo” a maggio da parte della banca centrale.6

Il default è arrivato dopo un crollo della rupia, che qualche settimane prima aveva lasciato il paese senza la valuta estera necessaria per pagare le importazioni essenziali. I blackout elettrici, l’inflazione a livelli sempre elevati e la carenza di cibo, carburante e medicinali hanno portato a settimane di violente proteste, talvolta fatali, in tutto il paese.

Valutiamo i rischi di stabilità sociale in due dimensioni. La prima misura mira a catturare i cambiamenti negli standard di vita e la seconda mira a catturare i rischi di protesta sociale in modo più diretto. Insieme, questi sono usati per valutare dove le pressioni sociali possono essere crescenti.

Cominciamo costruendo un indice proprietario che cerca di classificare i paesi in base ai livelli di “miseria”. Ciò si basa vagamente sul Misery Index di Arthur Okun, creato negli anni ‘70, che somma disoccupazione e inflazione come modo semplice per determinare come sta il cittadino medio.

Perfezioniamo la misura includendo le variazioni del reddito pro capite, per fornire un indicatore per sapere se le persone potrebbero essere state in grado di creare buffer finanziari. In poche parole, i paesi che hanno registrato una crescita del reddito pro capite più rapida dovrebbero essere in una posizione migliore per affrontare un’inflazione più elevata e un aumento della disoccupazione.

Valutiamo i rischi di stabilità sociale in due dimensioni: Il tenore di vita e i rischi di protesta sociale

In secondo luogo, costruiamo un indice che cerca di approssimare la vulnerabilità dei singoli paesi alla minaccia di crescenti disordini sociali, catturando le caratteristiche sociali e di governance di una nazione.

Questo indice comprende sei fattori diversi: la disuguaglianza della ricchezza, le variazioni del reddito pro capite e i tassi di partecipazione della forza lavoro, che tentano di catturare gli standard di vita. In termini di governance, teniamo conto dei livelli di corruzione e stabilità politica. Infine, includiamo il livello di libertà economica, che secondo alcuni studi è fortemente correlato con società più felici. I risultati sono mostrati nella Figura 4.

Figura 4: Rischi sociali
Nota: I colori rappresentano i paesi chiave all’interno di diverse regioni.
Fonte: I calcoli di Aviva Investors utilizzano i dati di Transparency International, Heritage Foundation, Banca Mondiale e Credit Suisse. Dati al 30 giungo 2022

Valutare quali paesi sono più a rischio di pressione sociale non significa solo prevedere le proteste, ma creare un quadro per capire meglio dove ci sia la capacità di affrontare le crescenti tensioni. Ad esempio, alcuni paesi potrebbero essere sotto pressione per consolidare le finanze pubbliche. In altri casi, potrebbe diventare difficile affrontare l’FMI per ottenere sostegno dal punto di vista sociale, e quindi politico. Sempre più spesso, si devono considerare anche risultati elettorali imprevedibili.

Anche se molti paesi più poveri stanno lottando per rilanciare le proprie economie a seguito della pandemia, le banche centrali sono costrette a far salire i tassi di interesse per combattere l’inflazione. Il rischio è che nei paesi che si trovano di fronte a una crescente pressione sociale, i governi dovranno intervenire sovvenzionando i prodotti alimentari o trasferendo i pagamenti ai più poveri.

Vincoli fiscali

Dato che i deficit di bilancio si sono già notevolmente ampliati durante la pandemia, non tutti i paesi avranno la capacità di reagire. Anche nei caso in cui reagiscano, i policymaker rischiano di dover affrontare decisioni di spesa difficili. Ad esempio, i sussidi alimentari potrebbero richiedere una riduzione della spesa per gli investimenti nelle infrastrutture, con conseguenze potenzialmente negative per la crescita economica.

Se i governi non hanno margine di manovra fiscale sufficiente per sovvenzionare il cibo, il pericolo è costituito da disordini sociali

Come ha dimostrato lo Sri Lanka, se i governi non hanno sufficiente spazio fiscale per sovvenzionare il cibo, il pericolo è costituito da disordini sociali. Lo Sri Lanka si è indebitato pesantemente per finanziare la crescita trainata dalle infrastrutture dopo la fine della guerra civile nel 2009, ma le politiche, tra cui una riduzione delle tasse del 2019 e la perdita di turismo durante la pandemia, non hanno permesso di rifinanziare i mercati internazionali dei capitali.

Secondo i dati di Citibank, il debito alla fine del 2021 ammontava a $82 miliardi – pari al 106% del PIL – con circa $51 miliardi di debiti verso obbligazionisti internazionali e creditori bilaterali tra cui Cina, Giappone e India. Si prevede che il debito salirà intorno al 140% del PIL entro la fine del 2022.7

Per capire meglio quali nazioni hanno il margine di crescita fiscale minimo per affrontare le sfide sociali, la Figura 5 illustra il bilancio fiscale previsto per il 2022 rispetto al rischio di disordini sociali.

Figura 5: Equilibrio fiscale contro la vulnerabilità alimentare
Fonte: I calcoli dell’FMI e degli investitori di Aviva utilizzano i dati di Transparency International, Heritage Foundation, Banca Mondiale e Credit Suisse. Dati al 30 giungo 2022

Il pericolo di un aumento dei prezzi dei prodotti alimentari che porta a disordini sociali e al rischio crescente di default viene sempre più apprezzato dai mercati, e tra i fattori che contribuiscono all’attuale selling-off del debito dei mercati emergenti. È improbabile che lo Sri Lanka sia l’ultimo ad avere un default. Il FMI ha avviato colloqui di programma con l’Egitto e la Tunisia, entrambi grandi importatori di frumento dalla Russia e dall’Ucraina, e con il Pakistan, che ha imposto tagli di energia a causa dell’elevato costo dell’energia importata. La Turchia sta combattendo contro l’inflazione al 70% e il rischio di una crisi della bilancia dei pagamenti è in aumento.

Potenziali linee di guasto

Considerando la vulnerabilità dei paesi al tipo di pressioni che hanno portato al default dello Sri Lanka, crediamo sia possibile ottenere utili informazioni sulla localizzazione di altre potenziali linee di errore all’interno dell’universo del debito sovrano emergente.

Diversi paesi sono reputati costantemente vulnerabili al tipo di pressioni che hanno portato al default dello Sri Lanka

Diversi paesi – Angola, Nigeria, Ghana, Tunisia, Marocco, Egitto e Pakistan – vengono considerati in pericolo costante, anche se si considerano i rischi da diverse angolazioni. Ciò non significa che nessuno di questi paesi andrà in default a breve termine, ma suggerisce che si debba porre maggiore enfasi sulla comprensione e sulla valutazione di eventuali pressioni sociali edificanti, e su come ogni governo possa rispondere.

Possiamo anche comprendere meglio i paesi e le regioni che potrebbero trovarsi in difficoltà nel caso in cui gli eventi dovessero peggiorare. Ad esempio, se da un lato l’inflazione alimentare è attualmente contenuta in Brasile, dall’altro lo spazio fiscale limitato del paese, unito agli alti punteggi di proteste sociali e di miseria, lo lascia particolarmente esposto. El Salvador si trova in una situazione simile. I già elevati livelli di inflazione della Turchia e dell’Argentina, combinati con alti punteggi di pressione sociale, lasciano entrambi i paesi esposti. Nel caso della Turchia, le autorità hanno per ora sovvenzionato cibo e combustibile e hanno introdotto controlli sui prezzi per contenere l’impatto sulla popolazione.

Per quanto riguarda la maggior parte delle nazioni asiatiche, finora esse sono state aiutate da un’offerta sana di riso, con conseguenti aumenti dei prezzi relativamente limitati. Tuttavia, se le tendenze recenti persistono, vi è una crescente probabilità che la gente inizi a sostituire il riso con il grano. Ciò comporterebbe una pressione al rialzo sui prezzi, soprattutto se la risposta di paesi come la Thailandia sia un limite sulle esportazioni. Anche le Filippine e l’India, con alti livelli di malnutrizione e un alto rischio di disordini sociali, potrebbero trovarsi in difficoltà.

L’aumento dei prezzi dei prodotti alimentari ha il potenziale di scatenare disordini diffusi e sconvolgimenti politici

Come ha dimostrato la primavera araba nei primi anni del 2010, l’aumento dei prezzi dei prodotti alimentari ha il potere di scatenare disordini diffusi e sconvolgimenti politici. Anche se le pressioni di fondo si stavano sviluppando da anni, è stato solo quando il prezzo del pane è salito e la gente non poteva permettersi di comprarlo che è scesa in piazza.

Dato il ritmo con cui i prezzi dei prodotti alimentari sono aumentati, i paesi dei mercati emergenti sembrano essere sempre più esposti al rischio di disordini sociali. La preoccupazione è maggiore per quei paesi in cui le finanze pubbliche sono sotto pressione o rischiano di deteriorarsi. Gli investitori dovrebbero tenere d’occhio gli eventi.

Opinioni correlate

Informazioni importanti

QUESTA È UNA COMUNICAZIONE DI MARKETING

Salvo diversamente indicato, la fonte delle informazioni riportate è Aviva Investors Global Services Limited (AIGSL). Salvo diversa precisazione, tutte le opinioni e i pareri appartengono ad Aviva Investors. Le suddette opinioni e pareri non vanno considerati come garanzia dei rendimenti generati dagli investimenti gestiti da Aviva Investors, né come una consulenza di qualsiasi tipo. Le informazioni qui riportate provengono da fonti ritenute affidabili, ma non sono state oggetto di verifica da parte di Aviva Investors, che non ne garantisce l'esattezza. La performance passata non è indicativa dei risultati futuri. Il valore degli investimenti e dei rendimenti da essi generati può aumentare come diminuire e gli investitori potrebbero non recuperare l'intero importo investito. Nulla di quanto qui riportato, compresi eventuali riferimenti a specifici titoli, classi di attivi e mercati finanziari, costituisce o va inteso come una consulenza o una raccomandazione di qualsiasi natura. Alcuni dati mostrati sono ipotetici o previsionali e potrebbero non avverarsi come indicato a causa dei cambiamenti nelle condizioni di mercato e non sono garanzia di risultati futuri. Il presente materiale non è una raccomandazione all'acquisto o alla vendita di investimenti.

Le informazioni contenute nel presente documento sono solo di carattere generale. È fatto obbligo ai soggetti in possesso del presente documento di informarsi e osservare le leggi e i regolamenti del loro ordinamento giuridico. Le informazioni contenute nel presente documento non costituiscono un'offerta o una sollecitazione a soggetti residenti in ordinamenti in cui tale offerta o sollecitazione non è autorizzata o a cui la legge proibisce di estendere offerte o sollecitazioni d’acquisto di questo tipo.

In Europa questo documento è pubblicato da Aviva Investors Luxembourg S.A. Sede legale: 2 rue du Fort Bourbon, 1st Floor, 1249 Lussemburgo. Sotto la supervisione della Commission de Surveillance du Secteur Financier. Una società Aviva. Nel Regno Unito è pubblicato da Aviva Investors Global Services Limited. N. d'iscrizione in Inghilterra 1151805. Sede legale: St Helens, 1 Undershaft, Londra EC3P 3DQ. Autorizzata e disciplinata dalla Financial Conduct Authority. N. di riferimento impresa 119178. In Svizzera, il presente documento è pubblicato da Aviva Investors Schweiz GmbH.

A Singapore, questo materiale è diffuso tramite un accordo con Aviva Investors Asia Pte. Limited (AIAPL) ed è esclusivamente rivolto agli investitori istituzionali. Si ricorda che AIAPL non effettua ricerca o analisi indipendenti in materia o per la preparazione del presente materiale. I destinatari del presente sono invitati a contattare AIAPL per qualsiasi questione derivante o legata al presente materiale. AIAPL, società di diritto di Singapore con n. di iscrizione 200813519W, è titolare di una Licenza per servizi sui mercati dei capitali valida per svolgere attività di gestione di fondi ai sensi del Securities and Futures Act (Singapore Statute Cap. 289) ed è un Consulente finanziario asiatico esente ai sensi del Financial Advisers Act (Singapore Statute Cap.110). Sede legale: 1 Raffles Quay, #27-13 South Tower, Singapore 048583. In Australia, questo materiale è diffuso tramite un accordo con Aviva Investors Pacific Pty Ltd (AIPPL) ed è esclusivamente rivolto agli investitori istituzionali. Si ricorda che AIPPL non effettua ricerca o analisi indipendenti in materia o per la preparazione del presente materiale. I destinatari del presente sono invitati a contattare AIPPL per qualsiasi questione derivante o legata al presente materiale. AIPPL, società di diritto australiano con Australian Business No. 87 153 200 278 e Australian Company No. 153 200 278, è titolare di una Licenza per servizi finanziari in Australia (AFSL 411458) rilasciata dall'Australian Securities and Investments Commission. Sede operativa: Level 27, 101 Collins Street, Melbourne, VIC 3000 Australia.

Il nome "Aviva Investors" nel presente materiale si riferisce nel complesso all'organizzazione di imprese di gestione patrimoniale che opera sotto il nome di Aviva Investors. Ogni consociata di Aviva Investors è una controllata di Aviva plc, società finanziaria multinazionale quotata con sede nel Regno Unito.

Aviva Investors Canada, Inc (“AIC”) ha sede a Toronto e rientra nella regione nordamericana dell’organizzazione di imprese di gestione patrimoniale che opera sotto il nome di Aviva Investors. AIC è registrata presso l'Ontario Securities Commission come gestore di negoziazione di materie prime, dealer di mercato esente, gestore di portafoglio e gestore di fondi d'investimento. AIC è inoltre registrata come dealer di mercato esente e gestore di portafoglio in ogni provincia del Canada e può essere registrata anche come gestore di fondi d'investimento in alcune altre province.

Aviva Investors Americas LLC è accreditata a livello federale come consulente per gli investimenti presso la U.S. Securities and Exchange Commission. Aviva Investors Americas è anche consulente di trading su materie prime ("CTA") registrato presso la Commodity Futures Trading Commission ("CFTC") ed è membro della National Futures Association ("NFA"). Il Modulo ADV Parte 2A di AIA, con informazioni generali sull'azienda e sulle sue politiche, può essere richiesto a: Compliance Department, 225 West Wacker Drive, Suite 2250, Chicago, IL 60606.